Disturbi Gastro-Intestinali dopo le feste – È influenza o hai mangiato male?

Hai la diarrea?
Sei consapevole che potrebbe non essere influenza … Ma effetto delle mangiate sotto le feste?

L’Agenzia Europea per la Sicurezza Alimentare ha lanciato l’allarme: la resistenza agli antibiotici aumenta in tutta Europa.
E almeno in questo POSSIAMO ESSERE ORGOGLIOSI perché L’ITALIA in questo E’ IL NUMERO UNO IN EUROPA!

Beh, orgogliosi….

Uomini e animali in Europa sono sempre più resistenti agli antibiotici, perché dalla seconda guerra mondiale si usano DOSI SUBTERAPEUTICHE di antibiotici per INGRASSARE gli animali da allevamento.
Tra il 50 e il 70% DI TUTTI GLI ANTIBIOTICI venduti al mondo sono stati usati per gli allevamenti.

In Europa, in ambito veterinario erano stati vietati, ma recenti studi dimostrano che COMUNQUE i Geni dell’Antibiotico-resistenza si trovano nelle carni che compriamo oggi…
… curioso no?

E quando grandi quantità di antibiotici vengono usati in un allevamento intensivo, anche le falde acquifere possono essere inquinate.
E di conseguenza i terreni che con quell’acqua vengono irrigati … e poi te li trovi nell’insalata.

E ora domandati:

😕 Quante SCHIFEZZE ho ingurgitato pensando fosse CIBO SANO?

😕 Quante schifezze (emozionali) ho ingoiato pensando che in compagnia non si può non dire di no?

In ITALIA – siamo messi peggio del resto d’Europa – abbiamo il maggior tasso di morti (tra 10.000 e 48.000 l’anno) a causa di infezioni che NON RISPONDONO PIU’ AGLI ANTIBIOTICI.

E’ il caso della Salmonella: la multi-resistenza a tre o più antimicrobici è elevata tanto nell’uomo (28,3%) quanto negli animali.

Sono alti anche i livelli di resistenza registrati all’E. Coli nei suini (69,2% contro il 34,3% in Europa) e nei vitelli (86,8% contro il 41,5% nei 10 paesi principali produttori).

La situazione “fa suonare un campanello d’allarme (dichiara il commissario Ue alla salute Vytenis Andriukaitis) suggerendo di RAFFORZARE LA COOPERAZIONE tra paese e settori della Sanità Pubblica, della salute animale e dell’ambiente”.

Ma In Italia…. cosa abbiamo fatto?
Praticamente nulla…

Ci sono state campagne di sensibilizzazione dell’AIFA già nel 2010, ma le prescrizioni di antibiotici non sono cessate ed era stato realizzato DAL MINISTERO DELLA SANITÁ un Piano Nazionale di Contrasto alla Antimicrobico-Resistenza (2017-2020) dove, tra i primi punti, c’era
il PRECISO OBIETTIVO di RIDURRE LE PRESCRIZIONI INAPPROPRIATE.

Quelle fatte a “membro cinofilo”, tipo antibiotico per bocca a chi ha una ferita al dito…

Ovvero, tutte quelle situazioni in cui NON SOLO l’antibiotico è INUTILE (per esempio nelle affezioni virali, quelle stagionali e quelle influenzali) ma è ADDIRITTURA DANNOSO.

Perché se dai sempre lo stesso antibiotico alla stessa persona STAI FAVORENDO lo sviluppo di MICROBI RESISTENTI.
Potremmo citare l’antibiotico PIU’ PRESCRITTO in Italia, sempre lo stesso, sempre lo stesso nome commerciale.

Quello dato ogni mese ai pazienti che hanno diverticoli …

Quindi, IL MINISTERO e la FIMMG hanno fatto più campagne di prevenzione rivolte ai consumatori ( E CORSI DI SENSIBILIZZAZIONE AI MEDICI PRESCRITTORI) aiutandoli anche con linee guida di intervento.

Chiunque NON TIENE IN CONTO di quest’allarme e delle relative indicazioni, ne risponde personalmente per i danni che fa.

In quanto a me, FINCHÉ AVRO’ FIATO, continuerò ad essere AMPLIFICATORE degli allarmi dell’OMS, del Ministero e dell’Ordine a cui mi onoro di appartenere.
CON TUTTI I MEZZI A DISPOSIZIONE.

Ho già scritto su QUESTA PAGINA di ARGOMENTI EMERGENTI usando toni EMOZIONANTI.
E continuerò a farlo.
Perché mi appassiona.
Perché amo essere d’aiuto.
Perché quando VINCE IL PAZIENTE vinco anche io. .

E visto che SONO OBBLIGATO dallo Stato e dal mio Ordine ad aggiornarmi costantemente, io SPENDO I MIEI SOLDI (nessuno mi finanzia né mi invita a Cuba…) per andare oltre I PARADIGMI PALEOLITICI cari a molti.

Quelli… releghiamoli al Pleistocene, ti va?

Mi onoro INVECE di far parte di un piccolo esercito di professionisti sanitari – Medici, Farmacisti, Psicologici, Biologi, Nutrizionisti, Dietisti, Fisioterapisti, Osteopati eccetera – che sta RE-IMPARANDO la medicina alla luce di una Rivoluzione Microbiota!

Con un occhio al Padre Ippocrate .

Tu invece continua a seguire questa pagina.
A volte ti dice cose rivoluzionarie.
Quelle cose che magari ti servono per risvegliarti rispetto alla IPNOSI DA PUBBLICITÁche in Italia (a differenza dell’Olanda, per esempio) E’ IN PARTE RESPONSABILE della prescrizione inappropriata di farmaci e antibiotici.

Perché sulla TV c’è lo spot di un farmaco ogni 2 per 3!

Condividi SerenaMente e LiberaMente tutto ciò che pubblico e che trovi interessante, perché è di pubblica utilità
e perché LA TUA SALUTE VALE !!

Rivoluzione Microbiota: Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti – Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

FONTI:

Altri miei articoli sull’argomento “Abuso prescrizioni”

 

Come la candida controlla il metabolismo

La storia dell’uomo che autoproduceva alcol

Per la serie “cose incredibili ma vere”, stamattina ti racconto questa.

Un uomo di circa 40 anni viene fermato con l’accusa di guida in stato di ebrezza. Giurava e spergiurava di non avere toccato un goccio di alcol, ma i poliziotti non gli hanno chiaramente creduto.

Sottoposto all’alcol test in ospedale, nemmeno i medici – almeno all’inizio – hanno creduto alla sua versione: sembrava avesse bevuto un sacco di alcol!

Alla fine, i ricercatori dell’università di New York sono arrivati alla verità: nel suo intestino hanno trovato un lievito (muffa o candida) che convertiva i carboidrati, ingeriti come alimenti, in alcol.

Praticamente un lievito che fermentava gli zuccheri in alcol.

Come quando mangi frutta a stomaco vuoto, ma questa volta nell’intestino.

Così, a questo signore, è stata diagnosticata una condizione medica rara nota come “Auto-Brevery Syndrome” o ABS (nulla a che fare coi freni della macchina!) o “Sindrome della Fermentazione Intestinale”.

La cosa è stata pubblicata sul British Medical Journal come condizione rara.

Ma come ci sono arrivati?

I ricercatori del Richmond University Medical Center hanno capito il problema (altro che cattedratici italiani…) hanno ipotizzato che gli antibiotici assunti anni prima dal paziente per curare un’infezione al pollice, avessero alterato il suo Microbioma Intestinale, permettendo ai funghi di crescere nel suo tratto intestinale.

E allora io mi domando:
👿 ma come diavolo fai a prescrivere un antibiotico per bocca a uno che ha una ferita al pollice?
👿 Non sai che ci sono antibiotici per uso locale?

Mi riferisco a te, che oggi mi hai scritto un’Email ed hai interrotto una cura probiotica perché il curante ti ha prescritto una terapia antibiotica per bocca per una ferita ad un dito .

E nel 2019, come fai onestamente a non conoscere gli effetti degli Antibiotici sul Microbiota?
Come può onestamente un curante permettersi oggi di non essere aggiornato sul Microbiota ?

Perché gli Antibiotici fanno scattare la sovrappopolazione di Candide e Funghi e Muffe nell’Intestino, mentre gli Antimicotici (dati allegramente alle donne con infezioni vaginali) fanno invece spostare l’equilibrio verso un eccesso di batteri.

In entrambi i casi si ha uno squilibrio.

Ma con i quintali di farmaci che prendono gli italiani come se ne accorgono?

Il segno è la pancia gonfia dopo pochi minuti da un pasto (riduzione di Bifidobatteri, riduzione di Lattobacilli).

Se aggiungi che con ogni Antibiotico molti curanti aggiungono il Gastroprotettore, inutile se non dannoso in questi casi. (così dicono AIGO, AIFA e FIMMG) .

Con le quintalate di Gastroprotettori che in Italia i pazienti assumono a comando – senza farsi domande – se ti gonfia la pancia quando mangi pasta pane pizza o dolci…
Chissà, forse non è poi così rara questa sindrome.
No?

Siamo nel 2019, chi non conosce il Microbiota necessita di un aggiornamento serio.
Aggiornamento culturale.
Aggiornamento cerebrale.
Abbandona il pleistocene e chi ci vive, per carità!
Te lo ripeto in quasi ogni post.

Cerca un vero Medico Ippocratico se hai bisogno, uno aggiornato, uno serio, che ti ascolta e ti fa domande.
Che capisce dov’è il problema e te lo risolve.

Perché una visita medica è né più né meno che una consulenza.
E la consulenza va fatta con professionisti capaci.
Altrimenti la paghi due volte…
Perché la tua salute vale!

 

Link all’articolo del corriere:

La storia dell’uomo sempre ubriaco che autoproduce birra nel suo corpo

 

I batteri dell’intestino aiutano i pazienti depressi e con l’Alzheimer.

I Fluorochinolonici no !

L’intestino umano ospita trilioni di abitanti microbici, indicati come il Microbiota, che collettivamente producono migliaia di piccole molecole uniche.

Sono “ospiti nostri” (o è il contrario?) da milioni di anni e sono un presenza indispensabile alla vita – anche se sono “invisibli” a Colonscopia e Gastroscopia.
Infatti senza di loro non potremmo vivere, tali e tante sono le funzioni che svolgono.

Comprendere l’impatto finale della comunità microbica intestinale sulla salute umana e sulle malattie è quello che impegna – ogni giorno – migliaia di medici e ricercatori in tutto il mondo da anni.

E ci ha portato una conoscenza approfondita della complessa comunicazione chimica tra i microbi, noi e… La nostra alimentazione.

Anche se la strada è ancora lunga, i risultati sono già eccezionali!

Come hanno recentemente pubblicato dei ricercatori di YALE, che hanno applicato una nuova tecnologia per scoprire quali “sostanze chimiche” prodotte dai Microbioti possono influenzano la fisiologia umana.
Hanno prima identificato 144 batteri dell’intestino umano e hanno scoperto interessanti interazioni “farmacologiche”:

Dopamina

Alcuni batteri producono piccole molecole che attivano i recettori per la Dopamina, neurotrasmettitore che manca nella patologia di Alzheimer ma che è legato alla depressione.

Te lo immagini un piccolo batterio che produce una piccola molecola che può raggiungere il cervello e influire sul modo in cui le diverse persone rispondono agli antidepressivi?

Istamina

I batteri intestinali dei pazienti con malattia infiammatoria intestinale producono un composto infiammatorio chiamato Istamina.
Bloccando i recettori dell’istamina in topi colonizzati con questi batteri, i ricercatori hanno invertito i sintomi di questa condizione, suggerendo che chi meglio di un batterio può battere un batterio?

Quindi, si lavora per combattere il fuoco con il fuoco, sulla scorta del detto popolare “se non puoi combatterli, fatteli amici”.

Quindi, cara amica o caro amico che leggi questo pagina di gratuita informazione medica e scientifica, prima di prendere un antibiotico ti consiglio di valutare se hai un motivo dannatamente buono.
Perché un antibiotico (peggio se ad ampio spettro) per il motivo sbagliato è un bombardamento ad ampio spettro sui tuoi alleati.

Le cronache degli ultimi giorni confermano che abbiamo usato allegramente i Fluorochinolonici come fossero caramelle, specialmente nelle infezioni urinarie.
E come risultante, tra gli effetti collaterali, i danni sono noti, segnalati e la EFSA ha diramato un’allerta sul loro uso.
Di quello ancora non ritirati dal commercio ne va fatto un uso respons-abile.

Sia da parte dei medici che dei pazienti… 

Certo, quando si tratta di salvare una vita, l’antibiotico va usato.
Ma prima di sganciare una bomba assicurati che non ci siano alternative meno invasive e pervasive per risolvere il tuo problema.

A volte un Probiotico è più efficace di un Antibiotico, se sai come usarlo… 

Continua a seguire questa pagina e condividi liberamente ciò che pubblico in quanto di pubblica utilità.
Perché la tua salute vale!

Fonti

La prossima frontiera nello studio dei batteri intestinali: l’estrazione di molecole microbiche

Uno schermo genetico chimico in avanti rivela i metaboliti del microbiota intestinale che modulano la fisiologia dell’ospite

 

Ogni anno buttiamo 3 miliardi di euro – In farmaci e terapie inutili!

Sono matto?
Do i numeri?
No no… Non io.
Sono i numeri presentati nel report annuale DELL’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) che fotografa le differenze tra le varie regioni d’Italia, sopratutto per la prescrizione di Antidepressivi, Antibiotici e farmaci per il sistema cardiovascolare.

Un esempio?
Il sole, si sa, fa bene alle ossa.
Ma chissà perché nelle assolate Puglia e Sardegna si consuma il doppio dei farmaci per la cura dell’Osteoporosi rispetto alle fredde Piemonte e Valle d’Aosta.
Curioso… No?

Ed é già un dato agghiacciante se si pensa che uno studio fatto su 120.000 persone seguite per anni ha dimostrato che gli integratori di Calcio SOPRA I 50 Anni non hanno alcun impatto sul rischio fratture…
Se non che lo aumentano…
Così sembra dai dati.

E non è meglio se si assumono latticini, perché contengono il temibile galattosio che aumenta l’Osteoporosi e l’invecchiamento…
… Ma questo è argomento di un’altro post…

Si sa anche che gli italiani sono un po’ troppo facili divoratori di antinfiammatori (FANS) che rovinano lo stomaco…
… E allora si deve ricorrere al Gastroprotettore per curare i danni provocati allo stomaco.

Ma si prescrivono in modo allegro in Puglia e Calabria, dove si mandano giù il triplo delle pillole ingerite in Emilia Romagna e Lombardia.
Differenze simili riguardano antidepressivi e antibiotici.
C’è da pensare che stiamo tutti male!

Siamo tutti depressi?
E tutti con un’infezione che mette a rischio la nostra vita!
Ma… È davvero così?

Chiariamo un attimo un concetto.
Io credo che Gastroprotettori e Antibiotici hanno cambiato la storia della medicina.
E vanno usati quando c’è bisogno!
Usati bene e a modo, perché hanno effetti collaterali devastanti se usati male.

Gli antibiotici – per esempio – dovrebbero essere più usati al Nord, dove il clima freddo facilita l’insorgenza di malattie respiratorie che richiedono l’uso di questi medicinali.
E invece il Sud ne consuma il doppio.
A Bolzano se ne assumono 11 dosi giornaliere ogni mille abitanti, e nella più calda Campania si balza a 29,4.
Mentre in Puglia e Calabria a 27 dosi.
E stendiamo un velo pietoso sulla Sicilia, dove si usano al primo raffreddore o appena si pensa di avere l’influenza (che è virale…Non batterica).

Ed è superfluo ricordarti che abusare di Antibiotici significa dare una mano ai «superbatteri», che imparano a resistere a tutti i tipi di medicinali e che solo in Italia fanno 7000 vittime l’anno.

No amiche ed amici della pagina, la verità è che siamo stati educati male… e che TV media e “TELEIMBONITORI vari” ci illudono nella speranza che vi sia la pillola giusta per guarirci dalla noia, dalla vecchiaia, dalla calvizie, dal diabete piuttosto che dal mal di schiena.
E nessuno più insegna a prenderci cura di noi stessi.
E ricorriamo alle pillolina o goccine magiche.

Come nello spot di quell’uomo che è in fila al cinema, ha la diarrea ma dopo la pillolina magica risolve il problema e torna sorridente in fila.
Solo che nessuno ti ha detto che la diarrea è UN SEGNALE D’ALLARME del tuo corpo, è UN MECCANISMO DI DIFESA.
Ma anche un segno di infezione.
Un po’ come la spia della benzina che si accende quando sei senza e ti avvisa di un pericolo, così la diarrea ti comunica che c’è un problema.

HOUSTON, abbiamo un problema!
Così, ti togli il fastidio, spegni il sintomo, la spia di allarme…
E il problema persiste e si fa strada senza che tu te ne occupi.
Non suona sensato, no?

So benissimo che con Google è Facebook tutti stiamo diventando maestri in qualcosa, ma in medicina…
Come nella nutrizione…
EVITA I DINOSAURI, che credono ancora alle chilocalorie oppure ti propongono cortisone Antibiotici e Gastroprotettore (I 3 dell’Ave Maria) per qualunque malanno.
Affidati all’esperto.
Evita farmaci inutili.
RISPARMIAMOCI gli effetti collaterali e facciamo risparmiare questi 3 MILIARDI DI EURO allo Stato (che poi ci impone ticket e liste d’attesa bibliche!).

Affidati ad un esperto e continua a seguire la pagina.
E condividi liberaMente ogni singolo post che trovi interessante.
Perché la tua salute vale!

FONTE:

Prescrizioni allegre di farmaci. Ogni anno si sprecano 3 miliardi

Antibiotico, Cortisone e Gastroprotettore. I Tre “dell’ Ave Maria”…

Siamo cresciuti nell’idea che qualunque malanno potesse essere risolto con il cortisone.
Che ci fosse un Antibiotico magico per ogni affezione stagionale.
E che bastasse un Gastroprotettore per “limitare i danni”.

Senza però che nessuno ci dicesse che …

Perché continuiamo a pensarla così anche se si è dimostrato che il Gastroprotettore è INUTILE (e potenzialmente dannoso, se usato a lungo) nei pazienti in terapia con #cortisone?
… mentre è solo inutile nel caso degli antibiotici (il cui abuso è dannoso di per sé)…

Lo confesso… Sono nato nell’era di Carosello 😅😅😅 .

E da allora ho fatto caso a come la pubblicità televisiva – e quella presente nelle riviste patinate – ha fatto molto nel veicolare messaggi finalizzati alla “promozione commerciale” di alcuni prodotti con effetti sulla salute.

Da soli o in associazione.

Questi prodotti venivano definiti sicuri e senza effetti collaterali…
Anche se recentemente, negli spot in tv, hanno aggiunto una vocina che alla fine della pubblicità – in appena due secondi netti! – ti ramMenta che GLI EFFETTI COLLATERALI E AVVERSI ci sono eccome!
Te ne sei accorta, si?

E… la ASCOLTI mai con attenzione?
Ascolti cosa dice?

Ovviamente, quando un’azienda “campa” vendendo farmaci o integratori, le finalità di uno spot non possono che essere “commerciali”.

Anche a molti medici sono stati veicolati messaggi di questo tipo, finalizzati (così credevamo…) alla promozione della salute tramite specifiche categorie farmacologiche.
Da sole o in associazione.

Da venditori e da corsi di aggiornamento.
Gratuiti…

Ma a casa mia, le cose gratuite spesso puzzano…

Alcuni di questi farmaci – lo dico per onestà intellettuale e scientifica – hanno davvero rivoluzionato la medicina, facendo del mondo un posto migliore per tutti! .
È il caso di Antibiotici e Gastroprotettori, giusto per citarne due.
Ma Non sapevamo degli effetti collaterali a lungo termine.
Non sapevamo della capacità di alcuni farmaci di dare dipendenza.

Non sapevamo che impatto avrebbero avuto i farmaci (in greco “veleno” ) ammessi alla libera vendita, senza indicazione né controllo medico.

Non sapevamo che una classe di farmaci usati nell’allevamento intensivo di animali destinati alla alimentazione umana avrebbero creato l’antibiotico-resistenza.

Che ne sapevamo allora?

Era tempo fa.
Quando ancora credevamo che ci fosse bisogno del Gastroprotettore durante la terapia con cortisone.
O con gli antibiotici.

Perché per fortuna, adesso la ricerca scientifica internazionale queste cose ce le dice.

E oggi, nessuno può più usare parole come:

  • “non sapevo”
  • “leggende metropolitane”…
  • “ma io sapevo che”…
    o peggio:
  • “ma si è sempre fatto così”

… a meno che non si voglia ammettere la propria “ignoranza” (nel senso che si ignora..) in questo campo.

Eh si…
Per fortuna i medici e gli specialisti si aggiornano (lo impone in Ministero in accordo con tutte le società scientifiche italiane).

Per fortuna non è più così facile prendere in giro gli italiani.

Perché ADESSO i pazienti si informano.
Perché ADESSO le risorse in rete ci sono.
Perché ADESSO è più difficile prendere per ignoranti milioni di persone OBBLIGATE PER LEGGE a studiare.

Ed è ancora più facile proteggersi dal “babbío” (in Siciliano: la presa in giro) se leggi il sito CURADICOPPIA.IT che è stato realizzato per ricordare agli utenti DIRITTI E DOVERI di medici e pazienti .
Perché se la visita medica la vedo come una consulenza a pagamento… se i pazienti non si trovano bene con il proprio consulente lo possono cambiare.

Si chiama “Seconda Opinione”.

Ho scritto una MAREA DI POST ed ho intenzione di continuare a farlo.
Così, se proprio devi fare scuola su Google e Facebook, tanto vale che leggi cosa pubblicano i VERI ESPERTI E condividi liberaMente ciò che ritieni utile.

Perché ADESSO siamo in tanti.
Medici, farmacisti, Nutrizionisti, Dietisti, Fisioterapisti, Osteopati, Coach Eccetera.
Che ai aggiornano.
Che hanno superato l’era pleistocenica e sono ADESSO nell’era della Rivoluzione Microbiota.

Stai connesso alla pagina.
Li conoscerai presto!

Continua a seguire la pagina a condividi liberaMente ogni singolo Post che trovi interessante.
Perché la salute tua (e dei tuoi cari) VALE!