Metformina, Anemia e Gastroprotettore. Non te l’ha detto il dottore?

Caro diario,
ti riapro e vergo nuovamente le tue pagine vergini …
… è così terapeutico e distensivo!

Stasera ti scrivo per il riscontro avuto DAGLI UTENTI NELLE SEDUTE ONLINE, VIA SKYPE O WHATSAPP, a cui siamo costretti a causa della quarantena….

Erano giorni che avevo in mente di scrivere tutto il mio dissenso su come certi figli “di… Ippocrate” … siano incuranti dell’articolo 13 del codice deontologico.

Che ci impone la conoscenza dei farmaci che prescriviamo.
Compresi effetti collaterali CONOSCIUTI A LIVELLI INTERNAZIONALI.

Quindi, prevenibili e PREVEDIBILI.

Una paziente incontrata negli ultimi giorni, mi contatta preoccupata.
Lei, che è sempre stata una donatrice di sangue, mi parla della sua Anemia, dei suoi livelli bassi di Ferro, della terapia a BASE DI FERRO proposta del suo Curante.

Che funziona quel tanto che basta….

Le chiedo se ha patologie, e se prende farmaci.
Lei risponde: Diabetica, Obesa e in trattamento farmacologico.
Con Metformina e Inibitori di Pompa Protonica (fino ad un mese fa… quando ha iniziato a leggere i miei post…)

In quel momento, il vapore iniziò ad uscire a pressione dalle mie orecchie!
E per un momento mi sono vergognato di essere un medico.

Perché tutti sanno che METFORMINA e GASTROPROTETTORI hanno – tra i tanti effetti collaterali – il fatto che NON FANNO ASSORBIRE la Vitamina B 12.
La FANNO ABBASSARE.
E COSÌ IL FERRO.

E cosa c’entra la B12, mi chiederai, caro diario?

Bene, il Ferro non viene assorbito PER VIRTÙ DELLO SPIRITO SANTO e non è il Ferro che risolve la carenza di Ferro.

Ma necessita di tre cose:

1) L’assunzione alimentare della B 12

2) LA GIUSTA ACIDITÀ NELLO STOMACO che serve a scindere la B 12 dalle proteine animali (e che serve alle cellule gastriche per produrre il fattore di Castle).

3) LA VITAMINA B 12 (o cianocobalamina) “agganciata” dal fattore di Castle per essere assorbita ha bisogno del funzionamento degli enzimi pancreatici.

Ma lo sanno anche le pietre che la carenza di B 12 è una CONSEGUENZA FISIOLOGICA (sarebbe meglio dire Iatrogena) di questi due farmaci.

E la letteratura internazionale LO SCRIVE NERO SU BIANCO …

Quindi, a CHE serve BERE LITRI DI FERRO se poi uno ha ANEMIA DA ACLORIDRIA… E quel Ferro NON PUOI ASSORBIRLO?

Inoltre, la IPO-MAGNESEMIA causata dal Gastroprotettore causa anche un MALASSORBIMENTO di vitamina D nonché di altri elettroliti (rame, calcio, fosforo, oltre il ferro).

Questa è BIOCHIMICA DI BASE.
È FISIOLOGIA!
È FARMACOLOGIA!
Ma possibile che me la ricordo solo io ???

E devo sentirmi fare queste domande da chiunque, perché i loro curanti o sono incuranti o queste cose le negano…

Il meccanismo alla base di questi cambiamenti?
Sembra essere la combinazione di uno (o più?) di questi quattro:

1) l’aumento della distruzione dei nutrienti (come per la VITAMINA C),
2) la riduzione dell’assorbimento dei nutrienti nella mucosa gastrica (o interruzioni nell’assorbimento intestinale),
3) l’elevato pH (poca acidità, o ACLORIDRIA) dello stomaco,
4) eccessiva crescita batterica (disbiosi GASTRICA e/o concomitante sovracrescita batterica e fungina del piccolo intestino).

Ma fosse solo il ferro…

La B 12 è importante in numerosi processi biologici, come la sintesi e la regolazione del DNA, la produzione di energia e la produzione di globuli rossi.
Non può essere sintetizzata nel corpo umano, ma dovrebbe essere introdotta con il cibo (con le proteine).

Cosa fa la carenza di B12?

Causa:

  • Anemia Macrocitica,
  • Iper-Omocisteinemia (che aumenta il rischio di aterosclerosi e trombosi),
  • Manifestazioni Neuropsichiatriche (come Parestesie, Debolezza, Anomalie dell’andatura, Neuropatia Periferica),
  • Cambiamenti Cognitivi o Comportamentali.

E la Iper-Omocisteinemia è collegata ad un aumento della Demenza, per non parlare del fatto che i Gastroprotettori superano la barriera emato-encefalica ed entrano direttamente nel cervello…

… meglio che non ti dica cosa provoca…

Ma i sintomi… da un curante “medio”, non potrebbero essere confusi con quelli tipici del Colon Irritabile, della Sensibilità al Glutine e alla Fibromialgia…?

E magari portare ad un aumento della posologia dei farmaci?

E la carenza di vitamina B 12, che di suo crea una NEUROPATIA periferica, non può essere scambiata per una Neuropatia Diabetica?

E CHI FA LA DIFFERENZA?

Chi decide tra una terapia a base di alte dosi di B 12 (e vitamina D) e l’amputazione di un dito, o un piede o una gamba in un diabetico?

Chi ci guadagna a tenersi strette le informazioni?

Ma in fondo, chi si occupa di fare la diagnosi e prescriverti una vitamina B 12 ad ALTE DOSI, che si assorbe sulla lingua a prezzi vergognosi???
(180 compresse a 17 euro…)

Ah già, dimenticavo … le vitamine non sono “sexy” … e non sono brevettabili… e quando un paziente guarisce, il SSN ha perso un cliente….
… e chi glielo dice al nostro Ministro delle Finanze?

Non posso nasconderti, Caro Diario, che io amo le vitamine, svolgono funzioni vitali e mai si dovrebbero sottovalutate quando si presenta una malattia…

Anche perché dosarle nel sangue (a carico dei pazienti) non ha costi elevati, ma pensa al valore dell’informazione!

La terapia è economica E NON NECESSITA DI PRESCRIZIONE MEDICA (non la C, non la D, non la B12 nè i folati)

Ah, se i miei utenti sapessero di come usare Selenio e Mio-inositolo nelle tiroiditi…

Spero che un giorno le persone che incontro e i pazienti si sveglino dall’ipnosi di massa che tramite la pubblicità – dai tempi di di carosello – ci ha rincoglionito, inserendosi a gamba tesa nel rapporto tra medico e paziente.

E facendoci dimenticare che a volte le terapie delle cause sono efficaci ed economiche, a differenza delle “cure sintomatiche”…

Sono ormai tantissimi gli operatori sanitari che vivono la Rivoluzione Microbiota.
Ne ho incontrati parecchi e mi fa piacere sapere che NON SONO PIÙ IL SOLO ad essere indignato della fine che ha fatto la medicina…

Grazie per raccogliere i miei pensieri.
Concludo.
Ti chiudo.
Ti riaprirò domani (speriamo).

Rivoluzione Microbiota Comicost – Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti –Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

P.S:
Se mai un giorno volessi ricordarmi di tutti gli articoli scritti a proposito, ho “seminato” in vari post i lavori scientifici che confermano ciò che dico:
Le chiamo le “FONTI PRINZIANE SULLA” VIT. B12:

 

Anemia Perniciosa, Neuropatia, e Fattore di Castle. Mini-trattato della (dimenticata?) Vitamina B 12

Parte 2 di 3:
Neuropatie da carenza di B 12

La vitamina B12 è necessaria per la formazione e la conservazione della guaina mielinica, la membrana che circonda le cellule nervose e che rende celere la trasmissione dei segnali nervosi.

La “degenerazione combinata subacuta” è una degenerazione progressiva del midollo spinale dovuta a una carenza di vitamina B12. Dove le fibre nervose che controllano il movimento e la sensibilità vengono danneggiate.

Nella degenerazione combinata subacuta, la guaina è danneggiata, causando la degenerazione delle fibre nervose sensoriali e motorie che partono dal midollo spinale.

I sintomi sono subdoli all’inizio e possono manifestarsi anche in assenza di anemia… o con valori di VITAmina B 12 considerati “normali”.

Inizia con una sensazione di debolezza generalizzata.
Sia nelle mani che nei piedi si ha una sensazione di formicolio, punture di spilli e intorpidimento.
Queste sensazioni tendono a essere costanti e ad aggravarsi gradatamente.

Le persone possono non essere in grado di sentire le vibrazioni e possono perdere il senso di dove si trovano gli arti (senso della posizione).
Gli arti sono rigidi, i movimenti diventano impacciati e la deambulazione può diventare difficile.

I riflessi possono diminuire, aumentare o scomparire.
In rari casi si verifica anche una riduzione della vista.

Le persone con questo disturbo diventano irritabili, apatiche, sonnolente, sospettose e confuse. Le loro emozioni possono cambiare rapidamente e in modo imprevedibile…

… Se ci aggiungi i dolori, è molto simile alla Fibromialgia…

… su cui non guasterebbe l’utilizzo di dosi generose di Magnesio Bisglicinato e B12-metilata (giusto per fare diagnosi differenziale dalle Neuropatie Periferiche da carenza) …

Alcuni studi sembrano dimostrare il coinvolgimento della VITAmina B12 anche in alcune delle principali malattie neurologiche “diverse dalla neuropatia da carenza”, come il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla, la sclerosi laterale amiotrofica e la malattia di Alzheimer.

Gli esami del sangue possono confermare la carenza di vitamina B12. Eseguendo contemporaneamente la valutazione ematica dei Folati (che può mascherare l’anemia) e dell’Omocisteina.

La vitamina B12 – se somministrata rapidamente (per via per-linguale o mediante iniezione) può portare alla guarigione completa delle malattie neurologiche, se non si è passato troppo il segno.
Ovvero, se qualcuno ha interesse a veder guarire i nostri anziani…

Domattina pubblico la terza parte di questo mini-trattato, una parte soeprendente che parla dei SINTOMI GASTRO-INTESTINALI da carenza di VITAmina B12.

Continua a seguire la pagina, approfondisci gli argomenti che tratto (sitografia in fondo al post) e condividi liberamente ogni cosa che pubblico in quanto è di pubblica utilità.
Perchè la tua salute vale!

Rivoluzione Microbiota Comicost – Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti –Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

FONTI:
https://www.msdmanuals.com/it-it/professionale/disturbi-nutrizionali/carenza,-dipendenza-e-tossicità-vitaminica/vitamina-b-12#v885038_it

https://www.msdmanuals.com/it-it/casa/disturbi-di-cervello,-midollo-spinale-e-nervi/malattie-del-midollo-spinale/degenerazione-combinata-subacuta

https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/i-blog-della-fondazione/il-blog-di-airicerca/la-vitamina-b12-fatti-e-questioni-irrisolte

http://www.medicalsystems.it/wp-content/uploads/2015/10/192.VitB12.pdf

Anemia Perniciosa, Neuropatia, e Fattore di Castle. Mini-trattato della (dimenticata?) Vitamina B 12

Parte 1 di 3:
Storia e Cause

La VITAmina B12 è importantissima per la produzione dei globuli rossi, per l’equilibrio psichico, per le funzionalità cerebrali e la funzionalità dei nervi – quelli periferici in particolare!

Per esempio, i malati di demenza di vario tipo (anche Parkinson e Alzheimer) ma anche quelli affetti da “DEGENERAZIONE SUBACUTA COMBINATA” (o DSC) potrebbero giovarsi della terapia con VITAmina B12, se solo ci si ricordasse come si dosa nel sangue … quali segni cercare e quali farmaci la provocano …

Ma andiamo per ordine.
Partiamo dalla STORIA.

1849
Il Dott. Thomas Addison pubblicò la prima descrizione di pazienti con una forma di ANEMIA MORTALE, che acquistò il nome di “anemia di Addison”, fino agli studi di Biermer (1872) che la ribattezzò anemia perniciosa (AP), nome con cui è nota oggi (o alternativamente anemia di Addison-Biermer).

Si scoprì che gli stessi pazienti colpiti dall’anemia perniciosa (AP) presentavano anche una GRAVE NEUROPATIA (leggi più avanti) con alterazioni degenerative del sistema nervoso centrale (encefalo e midollo spinale) e del sistema nervoso periferico.

1893
Il Dott. Nonne scoprì che la neuropatia dei pazienti con anemia perniciosa (AP) era l’equivalente neurologico dell’anemia stessa e non una malattia secondaria ad essa.

1900
Il Dott. Russell pubblicò un articolo in cui fu proposto il nome di degenerazione subacuta combinata (DSC) per definire la neuropatia osservata in associazione con l’AP.

1926
I dottori Minot e Murphy scoprirono che somministrando 200 gr di fegato ai loro pazienti affetti da AP faceva regredire completamente i sintomi. Per questo motivo venne loro assegnato (assieme al Dott. Whipple, che aveva fatto la stessa scoperta sui cani) il Nobel per la Medicina.

Anni ’30
Il Dott. Castle – nel suo tentativo di spiegare la correlazione tra L’ASSENZA DI ACIDO GASTRICO e l’AP – giunse alla conclusione che per restituire una normale ematopoiesi (formazione dei globuli rossi) ai pazienti affetti da AP era necessaria l’interazione tra un “fattore estrinseco” contenuto nei cibi (nella fattispecie nella carne cruda, fegato specialmente), e un “fattore intrinseco” (FI di Castle) contenuto normalmente nel succo gastrico umano.

Fu necessario attendere il 1948 per isolare dal fegato il fattore estrinseco o “terapeutico” – a cui fu dato appunto il nome di VITAmina B12 – e il 1955 per la definitiva comprensione della sua struttura chimica.

La VITAmina B12 degli alimenti viene rilasciata soltanto NELL’AMBIENTE ACIDO dello stomaco e si lega alla “proteina R” (aptocorrina).
Questo complesso (B12+”proteina R”) viene scisso dagli enzimi pancreatici nel piccolo intestino (ma col gastroprotettore, nemmeno il pancreas funziona correttamente).

Ed è solamente dopo la scissione dalla proteina R che il “fattore intrinseco” (FI di Castle) – PRODOTTO DALLE CELLULE parietali DELLO STOMACO – si lega alla vitamina B12.

Il “fattore intrinseco” è necessario per l’assorbimento della vitamina B12, che ha luogo nella parte terminale dell’Ileo (la porzione di intestino prima del colon).

Quindi, indipendentemente dall’assunzione con il cibo (o varie integrazioni), il corretto assorbimento della VITAmina B 12 necessita del funzionamento dello Stomaco, del Pancreas e dell’Ileo Terminale.

Al di la quindi dei FARMACI che ne impediscono l’assorbimento (delle cause farmacologiche ne discuto nella PARTE 2) dovremmo tutti ricordarci che la CAUSA PIÙ COMUNE DI CARENZA di VITAmina B 12 è l’insufficiente assorbimento.

Un ASSORBIMENTO INADEGUATO può essere dovuto alle seguenti condizioni:

1) Proliferazione di batteri nell’intestino tenue (SIBO o SIFO) – i batteri o i parassiti utilizzano la vitamina B12 ingerita, lasciandone una quantità minore per l’assorbimento…

2) Compromissione dell’assorbimento (malattie da malassorbimento) come ad esempio Celiachia o certe patologie del Pancreas.

3) Malattia infiammatoria intestinale (Crohn, RCU, Colite microscopica)

4) Interventi chirurgici: negli interventi di chirurgia bariatrica (sindrome dell’ansa cieca), nei Bypass Gastrici, nelle Gastrectomia Totali.

In riferimento ai punti 3) E 4), l’assorbimento di vitamina B12 può essere inadeguato qualora le sedi di assorbimento ileale siano distrutte dalla malattia infiammatoria intestinale o siano rimosse chirurgicamente.

5) Assenza del fattore intrinseco di Castle o diminuzione dell’acidità gastrica (più frequente negli anziani) per gastrite atrofica o autoimmune,

Nell’anziano, un inadeguato assorbimento il più delle volte consegue a una ridotta secrezione acida. Giacchè il fattore intrinseco di Castle viene prodotto dalle cellule dello stomaco solamente QUANDO QUESTE PRODUCONO ACIDO.

Quindi, il fattore di Castle (che LEGA LA VITAMINA B12) manca in coloro che hanno una ACLORIDRIA (gastrite atrofica, autoimmune), o assumono gastroprotettori da anni.

In TUTTI QUESTI PAZIENTI va sospettata e/o cercata la carenza di VITAmina B 12.

Vi sono anche le Cause farmacologiche: gastroprotettori, antiacidi, farmaci per il Diabete, farmaci Ansiolitici…. La lista è lunga, e te ne parlerò nel post di domani sera (la PARTE 2).

Continua a seguire la pagina, approfondisci gli argomenti che tratto (sitografia in fondo al post) e condividi liberamente ogni cosa che pubblico in quanto è di pubblica utilità.
Perché la tua salute vale!

RIVOLUZIONE MICROBIOTA – Comicost – Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti –Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

FONTI:
https://www.msdmanuals.com/it-it/professionale/disturbi-nutrizionali/carenza,-dipendenza-e-tossicità-vitaminica/vitamina-b-12#v885038_it

https://www.fondazioneveronesi.it/magazine/i-blog-della-fondazione/il-blog-di-airicerca/la-vitamina-b12-fatti-e-questioni-irrisolte

http://www.medicalsystems.it/wp-content/uploads/2015/10/192.VitB12.pdf

Metformina e carenza di Vitamina B 12

Chi segue una terapia per il Diabete con Metformina per almeno 5 anni …
… Ha carenza di vitamina b12

A guardare i dati di 6 anni fa, nel mondo c’erano circa 283 milioni di pazienti (in Italia migliaia e migliaia) a cui era stata affibbiata la diagnosi di “diabetici”.

Il motivo è presto spiegato in 3 step:

  1. Ogni anno si abbassano i livelli di normalità della Glicemia negli esami di laboratorio (prima il massimo era 130, oggi è 100!)
  2. si inserisce nel calderone delle diagnosi anche l’Insulino-resistenza (che non è Diabete, ed è reversibile con la dieta!)
  3. ogni aumento della Glicemia viene etichettato come Diabete, e ogni Diabete curato nella stessa maniera…

Così, piuttosto che proporre UN REGIME ALIMENTARE A BASSO INDICE GLICEMICO (dieta VLCD o low-carb) come SUGGERITO dall’OMS – il nostro Sistema Sanitario Nazionale propone Metformina (dal 2005) come farmaco di scelta per la gestione dei pazienti con Diabete di tipo 2.

Gli effetti collaterali più comuni sono Gastrointestinali ma il mancato malassorbimento di vitamina B 12 è un evento POSSIBILE nel trattamento a lungo termine (1-5 anni).

La conferma?
Viene da una revisione analitica di 19 studi scientifici – per un totale di più di 8.000 pazienti (vedi link in fondo al post).

Ed è un effetto prevedibile.
Ma …Perché accade?

Visto che assumiamo la vitamina B 12 dalla dieta, qualunque malattia del tubo digerente che provoca Malassorbimento provoca carenza di Vitamina B 12.
Anche la Celiachia, la Diarrea, le MICI, le diete strettamente vegane…
…anche l’assunzione del famoso (o famigerato) “castroprotettore”.

La carenza di questa vitamina causa ANEMIA, e se manca la B 12, assumere LITRI DI FERRO è inutile…

Ma la B 12 è anche molto importante nel nutrire il tessuto nervoso e cerebrale.
La sua carenza infatti causa INVECCHIAMENTO CEREBRALE PRECOCE e danni nervi periferici e centrali – anche irreversibili.

Quindi, come fare a capire la differenza tra una Neuropatia Periferica da diabete dagli EFFETTI IATROGENI da farmaco?

Un modo per saperlo, è il dosaggio di OMOCISTEINA, dei Folati e della vitamina B 12 nel sangue.
Un altro modo è guardare attentamente l’esame Emocromo (globuli rossi più grandi del normale).
Un’altro è andare alla ricerca delle glossiti (lingua grossa e larga ) causata da farmaci e dal malassorbimento.

Ma questo è materiale per un altro post.

Qual è la lezione da portarsi a casa?

➡ Quando abbassi i livelli di glicemia massimi, è più facile arruolare nuovi pazienti.
➡ La maggior parte dei “Diabetici” hanno un tipo 2, e si può curare con la dieta.
➡ Non esiste farmaco senza effetti collaterali a lungo termine
➡ Ogni effetto collaterale – e ogni carenza e/o peggioramento iatrogeno – È PREVEDIBILE E PREVENIBILE. Ed è meglio capire cosa accade giacchè sei costretto a nuovi farmaci o a nuovi integratori
➡ Visto che non esiste farmaco/integratore senza effetti collaterali Iatrogeni, maggiore è il numero che ne prendi maggiore è il prezzo che prima o poi verrai chiamato a pagare…

Se sai questo, puoi scegliere.
Puoi passare dal “subire” (una diagnosi, una terapia) al gestire la qualità della tua salute.

Così, puoi approfondire l’argomento, continuare a seguire la pagina e condividere liberaMente ciò che pubblico in quanto è di pubblica utilità.
Perché la tua salute vale !

Rivoluzione Microbiota Comicost – Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti –Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

FONTE:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25502588

La lingua ti svela gli effetti collaterali dei farmaci più prescritti in Italia

In tempi in cui non esistevano complicati esami radiologici (TC e RMN), quando gastro e colonscopie venivano eseguite soltanto SE C’ERANO MOTIVI VALIDI, i medici venivano addestrati a guardare alle persone per cogliere i segni delle cause dei problemi.

Il colore della pelle, la presenza di certe macchie in certe parti del corpo, anche il colore delle sclere (dell’occhio), che serviva a diagnosticare i problemi di fegato e le anemie.

Ma era la lingua uno dei più formidabili mezzi di indagine e diagnosi sulle
malattie. E all’Università veniva insegnato a leggerne i segni come parte dell’arte della SEMEIOTICA e della CLINICA.

Arti ormai dimenticate…
Perché chi fa più le “linguacce” al proprio medico o allo specialista?

Ma se non se ne occupa il tuo medico, le linguacce devi farle tu.
Davanti lo specchio del bagno…

Perché la lingua?

Perché la bocca assume un ruolo cruciale in molti processi fisiologici (parte della respirazione, dell’alimentazione eccetera) e una grande quantità di problemi di salute “sistemici” portano cambiamenti specifici – e non specifici – di bocca e lingua.

Così, la cavità orale è un’area diagnostica importante.
E qualsiasi variazione può essere indicativa di una malattia sistemica e deve essere investigata a fondo!

Il riconoscimento di certi segni – attraverso un esame orale e generale FATTO BENE – svolge un ruolo cruciale nel fornire ai medici una diagnosi corretta e ai pazienti una “terapia migliore” dei classici ed “intramontabili” protocolli uguali per tutti.
Intramontabili anche quando sono sbagliati e non funzionano…

I primi segni da cercare?
Sono quelli della GLOSSITE (letteralmente infiammazione della lingua)
La Glossite Atrofica (lingua gonfia) è liscia, ha aspetto lucido (con uno sfondo rosso o rosa) per la mancanza delle papille filiformi.

Ma a volte è così gonfia da portare sui lati i segni dei denti.

Ed è tipicamente correlata a uno stato di “deficit nutrizionale”.
La mancanza di assunzione di vitamine può essere sia dovuta ad una dieta povera (tutto ciò che è “industriale” è nutrizionalmente povero) oppure ad una malattia sistemica, che non fa assorbire le vitamine.

Ma è un evento raro?
E quando si può manifestare???

    1. CARENZE NUTRIZIONALI di Vitamine B1, B3, B6, B9, B12, ferro e zinco;
    2. MALATTIE GASTROINTESTINALI, come la Diarrea e la Stitichezza, il Crohn o la RCU, o come Celiachia e Pseudoceliachia e NCGS, che sono una delle principali cause nel determinare carenze nutrizionali (scarso assorbimento dei nutrienti con carenza di Vitamina B 12, Acido Folico e Ferro).
    3. ABUSO DI ALCOL (la malnutrizione è tipica di un paziente alcolizzato e una carenza di Vitamina B 12 è di solito un segno di questa malnutrizione)

Dovremmo anche aprire un capitolo a parte.
Le Glossiti DA FARMACI.

Nella lista dei farmaci che la provocano è possibile trovare farmaci per il trattamento del Diabete, i Contraccettivi Orali, “castroprotettori” e antiacidi, Farmaci Antitumorali (come anche la Radioterapia), farmaci per l’Ipertensione, Farmaci Neurologici e Psichiatrici …e tanto altro.

Questi farmaci possono determinare un malassorbimento del nutriente; oppure possono interferire nella “metabolizzazione” di una specifica Vitamina.
In aggiunta, ci sono altri meccanismi che portano ad una condizione “atrofica”, come quando si sviluppa una #candidosi a seguito di uso o l’abuso di Antibiotici, o il consumo di Antidepressivi.

La lista è lunga, ma per fortuna SONO TUTTI FARMACI DALL’EFFETTO COLLATERALE CONOSCIUTO.
E se l’effetto collaterale è conosciuto, è prevedibile.
E quando il professionista a cui ti affida lo sottovaluta o lo disconosce …

Perché dobbiamo essere intellettualmente onesti.

Per i chemioterapici, penso siamo tutti d’accordo che non se ne può fare a meno… perché sono situazioni al limite!
Sono terapie NECESSARIE.

Ma questo vale anche per tutti gli altri farmaci che ho citato?
Farmaci per il trattamento del Diabete?
“Castroprotettori” e Antiacidi?
Farmaci per l’Ipertensione, farmaci Neurologici e Psichiatrici …e altri?

Mi spiego.

L’OMS spiega chiaramente come LA DIETA e il cambiamento dello stile di vita SONO CURA POTENZIALE del Diabete o Sindomre Metabolica o Obesità, o Ipertensione.

La DIETA è anche fattore fondamentale in una buona parte delle malattie autoimmuni (così come certe vitamine hanno un potente effetto terapeutico).

Quindi, per i tuoi problemi di salute, l’OMS dice che il farmaco è l’ultima delle opzioni, dopo dieta, movimento fisico e cambiamento delle abitudini di vita.

MA se la TUA DIAGNOSI è corretta (domandiamocelo…) e se davvero hai bisogno di un farmaco per la tua vita, DEVI ALMENO SAPERE dal tuo medico quali sono GLI EFFETTI COLLATERALI.
Quali sono gli effetti collaterali PREVEDIBILI e CURABILI.

Perché … se non hai scelta …devi sapere COME far fronte agli EFFETTI COLLATERALI.
Perché comunque la maggior parte delle integrazioni sono a carico tuo, e al SSN non costano nulla…

Ma nel caso in cui la tua diagnosi non è corretta … o la cura che ti hanno dato è eccessiva o dannosa (rispetto alla salute) … o ci fosse una dieta o un integratore che possono rimetterti a posto EVITANDO I DANNI DA FARMACI … allora bisogna sapere queste cose e darti la possibilità di una scelta!

Ho già scritto di questi argomenti nei post di questa pagina perché ho a cuore la tua istruzione.

Perché so che vai su Google e su Facebook a cercare quelle risposte che i medici non hanno tempo di darti (o che tu temi di ricevere).

Per cui, approfondisci l’argomento, continua a seguire la pagina e condividi liberaMente ciò che pubblico in quanto è di pubblica utilità.
E perché la tua salute vale!

Rivoluzione Microbiota: Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista –Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti – Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

 

Storia di un giovane uomo con Gastrite ed Helicobacter Pylori

UNA BUONA NOTIZIA OGNI TANTO CI VUOLE!.
E quale giorno migliore del lunedì ?

Ecco la storia di un giovane uomo.
Sottoposto a EGDS per dolori allucinanti allo stomaco e all’esofago.

La biopsia lo trova positivo alla Gastrite e all’Helicobacter Pylori.

Riceve una terapia “protocollare classica” (DEVASTANTE) a base di dosi da cavallo di “castroprotettore” e alte dosi di antibioticoterapia multipla.

Lui accetta, ovviamente fiducioso che sia risolutiva, la terapia.
Ma al decimo giorno di terapia i dolori non solo non sono ridotti ma sta addirittura malissimo, e la lingua gli brucia (foto a sinistra).

Su consiglio, quindi, interrompe il “castroprotettore” e segue le nostre indicazioni.

Nella foto a DESTRA l’impressionante risultato dopo appena 11 giorni di terapia (quindi a 21 giorni dall’EGDS).

Io lo dico e lo scrivo: Il “castroprotettore” non è la soluzione… o almeno non è l’unica soluzione.
Ce ne sono altre.
E non è necessario farti rimettere un tubo in gola per avere conferma che sta funzionando.
Basta saper leggere la lingua, saper guardare. Saper consigliare.

La lingua è una porta. La lingua è specchio del lavoro interno.
E io ti ho pubblicato su questa pagina PIU’ DI UNA FOTO e più di una SPIEGAZIONE a cosa mostra la lingua e come guardarla (se chi ti cura non lo fa più lo devi fare tu).

Alcuni link qui:

La MEDICINA IPPOCRATICA è anche questo: guardare al presente e al futuro avendo sempre uno sguardo al passato.

Perché la tua salute vale 😉

Rivoluzione Microbiota: Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista –Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti – Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

Farmaci, carenze vitaminiche e malassorbimento: leggere la lingua per curare il femore

La lingua è considerata uno specchio della salute in generale. E tutti i medici condotti sapevano leggerla, perché in mancanza di esami (ecografie, esami del sangue eccetera) era un prezioso indicatore dello stato della salute del tubo digerente.

Come lo è anche oggi.

Per esempio quando la lingua è gonfia e liscia – a volte così gonfia da portare sui lati i segni dei denti – è tipicamente correlata a uno stato di “deficit nutrizionale”.

Anche la presenza di afte, una patina biancastra o di altri colori, la sensazione di bocca secca o amara …
… qualsiasi variazione può essere indicativa di una “malattia sistemica” e va investigata a fondo.

La bocca e la Lingua diventano così un’area diagnostica importante!

E Riconoscere questi segni attraverso un banale ESAME OBIETTIVO ORALE E LINGUALE svolge un ruolo cruciale nel capire cosa ha un paziente (diagnosi) e come curarlo al meglio.

In quali casi si può manifestare?

😎 CARENZE NUTRIZIONALI: Vitamine B1, B3, B6, B9, B12, ferro e zinco;

😎 ABUSO DI ALCOL (la malnutrizione è tipica di un paziente alcolizzato e una carenza di vitamina B12 è di solito un segno di questa malnutrizione);

😎 MALATTIE GASTROINTESTINALI: Diarrea per esempio, ma anche Celiachia e Gluten Sensitivity, due delle principali cause nel determinare carenze nutrizionali (causa scarso assorbimento dei nutrienti con carenza di vitamina B 12, Acido Folico e Ferro). Ma anche in tutte le manifestazioni di DISBIOSI DELL’INTESTINO.

Ma anche e sopratutto:

😎 EFFETTI COLLATERALI DEI FARMACI. I farmaci determinano un malassorbimento dei nutrienti e possono interferire nella “metabolizzazione” di specifiche vitamine.

Nella lista dei farmaci spiccano chemioterapici e radioterapia, terapie considerate NECESSARIE in situazioni a limite.

Nella lista però ci sono ANCHE farmaci per il diabete, i contraccettivi orali, i famigwrati #gastroprotettori e gli antiacidi, farmaci per l’ipertensione, farmaci per la depressione, per l’ansia, farmaci neurologici, psichiatrici …e altri.

In aggiunta, alcuni farmaci portano ad una condizione “atrofica” della lingua a causa dello sviluppo di Candidosi…

Quindi, se la DIAGNOSI CHE TI HANNO FATTO è corretta e hai bisogno di un farmaco a vita, DEVI SAPERE dal tuo medico quali sono GLI EFFETTI COLLATERALI.

E l’articolo 13 del codice deontologico medico ci IMPONE di attivarci per quelli che SONO PREVEDIBILI e CURABILI.

Quando è necessario assumere un farmaco “salva-vita”… Quando necessiti di una terapia a vita… Se gli effetti collaterali SONO CONOSCIUTI E STUDIATI A LIVELLO INTERNAZIONALE… e se questi EFFETTI COLLATERALI sono prevedibili e curabili con banali integrazioni di vitamine o con un’alimentazione più accorta …

…Non sarebbe CORRETTO ESSERNE INFORMATI E PREVENIRE?
Non sarebbe corretto SAPERE COME FAR FRONTE a quegli EFFETTI COLLATERALI??

Al giorno d’oggi sembra che non vi sia tempo per dirtelo, per alcuni è percepito come una perdita di tempo o un aumento di costi per il SSN (e se la fanno addosso di doverli pagare di tasca).

Ma la verità è che UN PAZIENTE INFORMATO degli effetti collaterali LI CONTROLLA E LI CORREGGE riducendo così il peso assistenziale sul SSN.

Un esempio?

Negli anziani che prendono 10 pillole o più al giorno, l’assunzione contemporanea di farmaci per la pressione, gastroprotettore e farmaci per il colesterolo portano a dolori articolari e muscolari e instabilità nel movimento e mente annebbiata.

E se cadono e si rompono un femore devono essere portati al pronto soccoeso (in macchina o con il 118).
E poi essere operati.
E dopo l’operazione andare in una lungodegenza o a fare riabilitazione ortopedica.

Tutti costi per il SSN.

Ma se sai di avere una carenza vitaminica o di elettroliti e questa carenza la integri, viene a mancare il dolore, il giramento di testa e la caduta.

Se non si rompe un femore quindi, nessuna necessità di 118, pronto soccorso, sala operatoria, degenza in reparto o lungodegenza.
E nemmeno farmaci o riabilitazione.

Ma sai quanto faresti risparmiare al SSN? 🙂

Anche perché la maggior parte delle integrazioni sono a carico tuo.
E magari AIFA e SSN smettono di “rompere i cabbasisi” sulla vitamina D 😀

Per me, bisogna sapere queste cose e darti la possibilità di operare una scelta!
Agire proattivamente per la salvaguardia della tua salute.
E in questo nessuno è più motivato di te.

Se non se ne occupa il tuo medico, le linguacce devi farle tu.
Davanti lo specchio del bagno…

Ed è importante seguire una PAGINA DI GRATUITA DIVULGAZIONE MEDICA E SCIENTIFICA per istruirti. Sapere come fare a evitare gli effetti collaterali.

Ho già scritto di questi argomenti in QUESTA PAGINA perchè ho a cuore la tua istruzione.
Perché so che vai su google e nei social a cercare quelle risposte che i medici non hanno più tempo di darti (o che tu temi di ricevere).

Questa pagina è parte di un piccolo esercito di professionisti della sanità – Medici, farmaciati, psicologi, nutrizionisti, fisioterapisti osteopati, coach eccetera – che studia L’UNIVERSO UOMO alla luce delle antiche tradizioni Ippocratiche e delle nuove scoperte sul microbiota.

Con la specifica finalità di riportare alla gente il diritto e la capacità di OCCUPARSI DELLA MANUTENZIONE ORDINARIA DELLA PROPRIA SALUTE.

Benvenuta/o nella Rivoluzione Microbiota 🙂

Continua a seguire la pagina e condividi liberaMente ogni singolo post che trovi interessante perché è di pubblica utilità.

Perché la tua salute vale!

Rivoluzione Microbiota Comicost – Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti –Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

FONTI :

    1. www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC5123136/
    2. www.microbioma.it/gastroenterologia/studio-nature-rivela-un-farmaco-su-quattro-altera-il-microbiota-intestinale/

Leggere nella lingua le carenza di ferro, vitamine e… I troppi farmaci.

Carenza vitaminica – la lezione “dimenticata” dai medici
– Parte 4 –

La lingua è continuamente esposta a stimoli chimici, meccanici e fisici che – quando troppo forti o cronici – possono causare lesioni, come la Lingua fissurata, la Glossite Atrofica (vedi post precedenti) o la lingua a carta geografica.

Ed escludendo i traumi locali, cos’altro può causare problemi visibili sulla lingua?

L’abuso di alcol, alcune infezioni del cavo orale (Candidosi, Parodontopatie) e le malattie gastrointestinali che CAUSANO MALASSORBIMENTO (visto anche come effetto collaterale – prevedibile e prevenibile – di alcuni tra i FARMACI PIÙ USATI IN ITALIA).

Vediamoli insieme!

💀 MALATTIE GASTRO-INTESTINALI.

Sono le condizioni più comuni associate allo sviluppo di glossite. Ho già citato in altri post la Celiachia (ma anche pseudoceliachia e la sensibilità al glutine) e OGNI altra affezione che provoca diarrea.

Perché la diarrea è causa essa stessa di malassorbimento – l’intestino che non assorbe più alcuni elementi – e… proprio come alcune DIETE squilibrate è fonte di carenze nutrizionali potenzialmente gravi.

Come quando ti cadono i capelli… hai le unghia fragili… la pelle secca, hai presente?

La diarrea È PERICOLOSA nei neonati/bambini piccoli come NEGLI ANZIANI e bisogna SUBITO riequilibrare l’acqua ed i sali minerali persi!

Nel 50% dei pazienti con Reflusso Gastroesofageo (GERD) si hanno sintomi extra-esofagei fino a gola, orecchie, naso e bocca (solo su questo ci sarebbe da scrivere una mezza dozzina di post).

l danno diretto provocato dal Reflusso è rappresentato principalmente da erosioni dentali mentre i danni alla mucosa (che ricopre internamente la bocca) sono aree arrossate o iniettate di sangue che si accompagnano ad alterazione delle ghiandole salivari (xerostomia: bocca sempre secca!).

A cui aggiungere la Disbiosi (o Candidosi) orale causate dalla “castro”-protezione (farmaco gastroprotettore)…

Le lesioni atrofiche della lingua – frequentemente associate al GERD – sono difficili da comprendere. Sono una diretta conseguenza del Ph acido? Sono causate all’alterazione della saliva (Xerostomia) che porta all’infezione (ad esempio la Candidiosi)? O invece… Sono causate dai farmaci?

💀USO (E ABUSO) DI FARMACI.

Farmaci specifici possono determinare una carenza vitaminica che porta ad una Glossite Atrofica (vedi post precedente). Come – ad esempio – tutti i farmaci che portano IPOCALCEMIA e predispongono alla osteoporosi.

Sicuramente lo fanno tutti i Procinetici (quelli che accelerano lo svuotamento gastrico e intestinale) e tutti i farmaci che provocano diarrea (Lattulosio et similia).

Ma la lista è lunga: è possibile trovare farmaci per il trattamento del diabete di tipo 2, contraccettivi orali, agenti che abbassano l’acido, gastroprotettori, farmaci per il trattamento di ipertensione, farmaci neurologici e psichiatrici ed altri.

Ognuno genera una carenza di vitamine attraverso 3 principali meccanismi:

  1. possono determinare un malassorbimento del nutriente,
  2. possono interferire nella metabolismo di una specifica vitamina,
  3. in aggiunta, ci sono altri meccanismi che portano ad una condizione atrofica, come lo sviluppo di Candidosi dopo l’uso di antibiotici, e la Xerostomia secondaria agli Antidepressivi. 

💀PSORIASI (e altre affezioni autoimmuni)

Lesioni orali specifiche sono state associate a questa patologia. In particolare, la lingua fissurata e la lingua geografica sono state osservate come conseguenza del disturbo immunologico.

La lesione della mucosa orale può essere associata alla psoriasi, ma non è chiaro se questi possano essere considerati #patognomonico di questa malattia sistemica.

Di certo, la PSORIASI NON È una MALATTIA DELLA PELLE, ma una patologia conseguente ad uso di latticini. nell’alimentazione ed all’intestino permeabile, con manifestazioni extra-intestinali cutanee e articolari.

Così come c’è anche da ricordare le manifestazioni cutanee da Celiachia, Pseudoceliachia e da Candidosi intestinale.

So che questa non è una trattazione esauriente: si potrebbe fare un congresso di 3 giorni solo sulla lingua.

Ma qual é la lezione da portare a casa?

FATTI LE LINGUACCE (I medici non te lo chiedono più), metti in connessione con altri sintomi e con le diagnosi… O con l’assunzione di farmaci.

Se pensi di avere una carenza, la maggior parte degli esami che la confermano sono prescrivibili dal tuo medico di famiglia (se sa dove cercare).

Ho già scritto sugli effetti della Metformina e la carenza di Vitamina B12

Vi annuncio che le carenze vitaminiche del gruppo B, del Ferro e le sue manifestazioni cutanee e linguali, saranno anche argomento di un mio intervento ad un Congresso che si terrà a Palermo a febbraio 2020
(pubblicherò l’evento in tempo!)

QUINDI…

Approfondisci l’argomento, continua a seguire la pagina e condividi liberaMente ogni singolo post.
Perché la tua salute – e quella dei tua cari – VALE!

Rivoluzione Microbiota: Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti – Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

L’importanza della Vitamina D nella Rettocolite Ulcerosa e nel Morbho di Crohn

Come dirti che è importante assumere ogni giorno la vitamina D?

L’incidenza di Malattie Infiammatorie Croniche intestinali (IBD*) – Crohn e Rettocolite Ulcerosa – è aumentata negli ultimi decenni nei paesi sviluppati.
La causa?
Un mix micidiale e complicato tra:
  • fattori genetici (che coinvolgono primariamente la funzione immunitaria e difensiva),
  • fattori alimentari,
  • fattori batterici (disbiosi intestinale) e…
  • fattori ambientali.

Il fattore scatenante è sicuramente la compromissione della mucosa intestinale, la compromissione della sua “funzione di barriera” e la conseguente eccessiva permeabilità, che fa passare in circolo antigeni e materiale batterico che dovrebbe rimanere confinato alla “cacca”.

La permeabilità è alla base di malattie autoimmuni, neurologiche, psichiatriche e di parecchi altri disturbi gastrointestinali:
dal “Colon irritabile” ai Diverticoli alle Malattie Tumorali.

Il ruolo della genetica sembra dominante (i parenti di chi è affetto da IBD hanno una probabilità molto maggiore di sviluppare la malattia).

E i “fattori ambientali” quali sono?
Cosa attiva il DNA e fa’ esprimere quei “difetti” genetici?

EPIDEMIOLOGIA

Curiosamente, i dati epidemiologici mostrano una distribuzione mondiale con “gradiente nord-sud”… E una “frequenza stagionale” in parallelo all’esposizione alla luce solare.

Infatti, le popolazioni più vicine all’equatore sono a rischio relativamente basso, quelle residenti nelle aree estremamente settentrionali e meridionali – come in Nord America e Nord Europa (Finlandia e Canada) –  hanno elevate incidenze di IBD.

Negli USA la malattia è meno frequente tra le donne che vivono alle latitudini meridionali rispetto a quelle che vivono alle latitudini settentrionali.

Sono state inoltre osservate variazioni nell’insorgenza – e nelle riacutizzazioni – delle IBD, con alta incidenza sopratutto in inverno…

Al di là del coinvolgimento dei microrganismi intestinali (Disbiosi) e l’esposizione a sostanze inquinanti o diete sbagliate, quale “fattore ambientale” potrebbe spiegare lo schema geografico?
È la scarsa esposizione alla luce solare, con la mancata produzione di vitamina D.

Non è sorprendente e non è una novità.
Precedenti studi avevano suggerito un legame tra deficit di vitamina D e rischio di IBD già negli anni ’80, e studi più recenti riportano un’alta frequenza di deficit di vitamina D nei pazienti con accertata malattia di Crohn.

Agli inizi degli anni 2000, alcuni studi si focalizzarono sul ruolo immunomodulante del “recettore della VITAmina D” (o VDR) nello sviluppo delle IBD.
Perché la vitamina D, si sa per certo, può ridurre il rischio di IBD.
E le alterazioni del recettore sono “fattori genetici”noti…
E per certo, nella integrità epiteliale dell’intestino crasso, la vitamina D è fondamentale, come nella prevenzione dello sviluppo di IBD.
Non te l’hanno mai detto?

Ovviamente, SIA la carenza nutrizionale che l’assenza-malfunzionamento del recettore VDR provoca manifestazioni simili alla carente esposizione al sole (a quelle latitudini a cui risulta efficace).
Così da spiegare, in parte, le variazioni epidemiologiche (geografiche e stagionali).

Ma l’integrazione di ALMENO 4000 UI al giorno ha dimostrato un importante ruolo protettivo e migliora sintomi e infiammazione nelle IBD.
Anche se vi sono lavori scientifici con dosi giornaliere maggiori…

I pazienti con diagnosi di Crohn o Rettocolite, o quelli con sospetto di Colon Irritabile, sono tutti o quasi in carenza/insufficienza di vitamina D.

Perché questa diffusa carenza/insufficienza di vitamina D?

Ci esponiamo al sole una tantum – siamo sempre chiusi a casa/in ufficio/in palestra/in macchina – e non abbiamo la giusta inclinazione del sole tutto l’anno… A volte nemmeno d’estate.
In più, alcuni dei farmaci che si assumono (gastroprotettore e statine in testa!) ne limitano l’assorbimento.
E, malgrado i “grandi saggi” del ministero e i “diagnosti di famiglia ” (per tacere di certi specialisti), permettimi di darti tre consigli:
  1. Valuta periodicamente il valore della tua vitamina D, insieme a Calcemia e Paratormone (e Calcitonina se sei in osteopenia o osteoporosi), .
  2. Assumi giornalmente un integratore di vitamina D – mai meno di 4000 UI al giorno – in forma sublinguale (così è assorbita anche se hai un malassorbimento),
  3. Aggiungi sempre N-Acetil-Cisteina (almeno 600 mg 3 volte al giorno) per sostenere la funzionalità della mucosa intestinale.

Sia la vitamina D che la N-Acetil-Cisteina (come la curcumina…) sono considerati integratori quindi non è necessaria la prescrizione del medico ed hanno costi “banali”.

MEMENTO

Ho già scritto sull’importanza della somministrazione giornaliera sublinguale di questa preziosa vitamina.
Considerando che i valori di riferimento “normali” sono frutto di un errore statistico e di progettazione degli studi più vecchi, se hai “bisogni speciali”, non dovresti mai scendere al di sotto delle 4.000 UI/die.

Se sei in cerca di risposte e sei deluso della TIRANNIA DEI BUROCRATI DI STATO, che si sono subdolamente inseriti nel rapporto tra medico e paziente – continua a seguire QUESTA PAGINA DI INFORMAZIONE GRATUITA, che informa e RISVEGLIA LE COSCIENZE !!!😎 .
Non sono il solo a dirlo.
Sono parte di un esercito di professionisti sanitari – Medici, Nutrizionisti Psicoterapeuti, Fisioterapisti, Osteopati, Farmacisti – che studia “l’UNIVERSO UOMO” alla luce del progresso scientifico e medico.
Benvenuto/a nella Rivoluzione Microbiota.
Continua a seguire la pagina e condividi liberamente ogni singolo post che trovi interessante perché è di pubblica utilità.
E perché la tua salute vale!

Gastrite Atrofica, Ferro basso, Anemia Perniciosa, e Gastroprotettore

Carenza Vitaminica,
la lezione “dimenticata” dai medici
– Parte 1 –

Hai presente quando il livello di ferro del sangue è talmente basso da averlo sotto i piedi?
Il tuo medico ti fa assumere ferro in fiale e compresse come se non ci fosse un domani e dopo mesi di terapia il ferro nel sangue è ancora basso?

Molti temono un brutto male (e vanno dall’ematologo o dall’oncologo), altri vedono una anemia e sentono una grande stanchezza che non sparisce nemmeno con quintalate di ferro.

Ma nessuno guarda più allo stomaco o alle carenze vitaminiche nel sangue.

Io non ricordo se ero fisicamente presente alla lezione in cui ne hanno parlato, o se i miei docenti me lo domandarono agli esami ma – come qualunque studente di medicina – sa che il ferro non viene assorbito per virtù dello spirito santo, ma necessita di tre cose:

  1. la giusta acidità nello stomaco (e le cellule che producono il Fattore di Castle),
  2. la vitamina B12 (o Cianocobalamina) che viene “agganciata” dal fattore di Castle per essere assorbita nella parte distale dell’intestino tenue,
  3. i Bifidobatteri (ma questa è storia x un altro post).

Quindi, a che serve farti bere litri di Ferro se poi hai una Anemia Perniciosa da acloridria e quel Ferro non puoi assorbirlo?
Ok, so che sto correndo, come il mio solito.
Andiamo per gradi.

Permettimi di presentarti la Acloridria, la Gastrite Atrofica e l’Anemia Perniciosa. 

La Gastrite Atrofica (GA) si verifica in circa il 2% della popolazione con prevalenza elevata nelle donne anziane. In questa malattia autoimmune cronica, il sistema immunitario produce “auto-anticorpi” contro le cellule della parete gastrica, responsabili sia della produzione di acido gastrico che di fattore intrinseco (o Fattore di Castle) – quello che citavo poco fa.

Nelle fasi più avanzate, questi cambiamenti causano acloridria, cioè assenza di acido (cloridrico) gastrico.
Sarebbe quindi inutile o controproducente prescrivere un gastroprotettore perché la acloridria la mantiene o la peggiora.

La conferma?
in quei pazienti che “si fanno” di gastroprotettore da anni (o che se ne fanno 80 mg al giorno) la acloridria compare comunque.

La riduzione dei livelli di fattore intrinseco provoca malassorbimento di vitamina B12.
Più recentemente, sono stati riportati casi di carenza di ferro e Anemia Sideropenica (da carenza di ferro) insieme alla GA, anche nei pazienti più giovani.

Inoltre, la carenza di diverse vitamine e micronutrienti come Vitamina C, vitamina D, Acido folico e Calcio è spesso descritta in pazienti con la GA ma anche nella Acloridria di lunga data dovuta a lunghe terapie con Inibitori della pompa protonica (Gastroprotettori o IPP) oppure a causa di un intervento di asportazione dello stomaco (per tumore, per ulcere perforate ma anche per non necessari interventi di dimagrimento).

Il meccanismo alla base di questi cambiamenti sembra essere la combinazione di uno o più di questi quattro:

  1. l’aumento della distruzione dei nutrienti (come per la vitamina c),
  2. la riduzione dell’assorbimento dei nutrienti nella mucosa gastrica (o interruzioni nell’assorbimento intestinale),
  3. l’elevato Ph (poca acidità, alcalinità o acloridria) dello stomaco,
  4. eccessiva crescita batterica (disbiosi gastrica e/o concomitante sovracrescita batterica e fungina del piccolo intestino).

L’Anemia Perniciosa (AP) è la causa più comune di “Anemia Megaloblastica” nei paesi occidentali, e risulta da un ridotto assorbimento di Cobalamina (Vitamina B12) per la mancanza di produzione del fattore intrinseco di Castle a sua volta causata dalla distruzione delle cellule parietali dello stomaco.

La B12 è importante in numerosi processi biologici, come la sintesi e la regolazione del DNA, la produzione di energia e la produzione di Globuli Rossi. Non può essere sintetizzata nel corpo umano, ma dovrebbe essere introdotta con il cibo (con le proteine).
Risulta infatti carente (e andrebbe integrata!) in chi fa una scelta di vita vegana o vegetariana.

La carenza di vitamina B12 può causare:

  • Anemia Macrocitica,
  • Iper-Omocisteinemia (che aumenta il rischio di aterosclerosi e trombosi),
  • manifestazioni neuropsichiatriche (come parestesie, debolezza, anomalie dell’andatura) cambiamenti cognitivi o comportamentali.

Suona simile a sintomi tipici del Colon Irritabile, della Sensibilità al Glutine e alla Fibromialgia.
Curioso, no?

Certo, ci sono anche rare alterazioni genetiche che bloccano l’assorbimento della B12, ma in letteratura la prevalenza della carenza di vitamina B12 tra le persone anziane può variare tra il 5% e il 40% a seconda del valore ematico analizzato della vitamina B12.

La gastrite autoimmune (Anemia Perniciosa) è la causa più comune di grave carenza di vitamina B12 a causa del malassorbimento di Cobalamina dal cibo soprattutto negli anziani.
Tuttavia l’uso di alcuni farmaci – come inibitori della pompa protonica (gastroprotettori), inibitori del recettore H2 (cimetidina, ranitidina), metformina o colesteramina – interferiscono con l’assortimento della B12.

Sembra che la GA e la AP siano sotto-diagnosticate nei nostro civilizzato mondo e che vengano “curate” con prescrizioni croniche di ferro, a volte anche con B12 e Folati, senza che nessuno si vada a chiedere il perché e senza che ci si sforzi di fare diagnosi.

Amo le vitamine, svolgono funzioni vitali e mai dovrebbero sottovalutate quando si presenta una malattia, anche perché la terapia è abbastanza economica e non necessitano di prescrizione medica (non la C, non la D, non la B12 o i Folati) .

Per questo ti lascio con tre consigli:

  1. Assumi più che puoi alimenti ricchi di vitamine (zuccheri e farina 00 ne sono assolutamente privi).
  2. Nel caso di Ferro basso, nelle tue analisi del sangue pretendi di aggiungere Omocisteina, vit. B12, vit. D 25 (OH), Folati, Calcitonia e Paratormone.
  3. Sospetta sempre che una Anemia Perniciosa possa essere l’effetto collaterale di uno dei farmaci (utile o inutile) che stai assumendo.

Perché la tua salute vale, e se stai assumendo farmaci x il motivo sbagliato stai pesando inutilmente su un sistema sanitario morente.

La Metformina brucia la Vitamina B12?

Nel mondo ci sono circa 283 milioni di pazienti – in Italia migliaia e migliaia – a cui è stata affibbiata la diagnosi di “diabetici”.

Il trucco è presto spiegato in 3 step:

  1. Si abbassano i livelli di normalità della glicemia negli esami di laboratorio (prima il massimo era 130, oggi è 100!)
  2. Si inserisce nel calderone delle diagnosi anche l’Insulino-Resistenza (che non è Diabete, ed è reversibile con la Dieta!)
  3. Ogni aumento della glicemia viene etichettato come diabete, e ogni diabete curato nella stessa maniera…

Così, piuttosto che proporre UN REGIME ALIMENTARE A BASSO INDICE GLICEMICO (dieta VLCD) per risolvere il problema – come correttamente DETTATO dall’OMS – il nostro Sistema Sanitario nazionale propone la Metformina (dal 2005) come farmaco di scelta per la gestione dei pazienti con diabete di tipo 2.

Gli effetti collaterali più comuni sono gastrointestinali ma il mancato assorbimento di vitamina B12 è un evento POSSIBILE nel trattamento a lungo termine (1-5 anni).

La conferma? Viene da una revisione analitica di 19 studi scientifici – per un totale di più di 8.000 pazienti (vedi link in fondo al post).

Ma… ad essere sinceri, dato che assumiamo la vitamina B12 dalla dieta, qualunque malattia del tubo digerente che provoca Malassorbimento provoca carenza di Vitamina B12.

Anche la Celiachia, la Diarrea, le MICI, le diete strettamente Vegane…

…anche l’assunzione del famoso (o famigerato) gastroprotettore.

La carenza di questa vitamina causa ANEMIA (e se manca la B12, prendere il ferro non serve a molto…), ma è anche molto importante nel nutrire il tessuto nervoso e cerebrale.

Quindi causa INVECCHIAMENTO CEREBRALE PRECOCE e danni ai nervi – anche irreversibili.

Ma come fare a capire la differenza tra una Neuropatia Diabetica e l’effetto collaterale del farmaco?
Un modo per saperlo, è il dosaggio di OMOCISTEINA e Vitamina B12 del sangue. Ma questo è materiale per un altro post.

Qual’è la lezione da portarsi a casa?

  • Quando abbassi i livelli di glicemia massimi, è più facile arruolare nuovi pazienti.
  • La maggior parte dei “diabetici” hanno un tipo 2, e si può curare con la dieta.
  • Non esiste farmaco senza effetti collaterali a lungo termine
  • Per ogni effetto collaterale – e ogni carenza e/o peggioramento iatrogeno – sei costretto a nuovi farmaci e integratori
  • Visto che non esiste farmaco/integratore senza effetti collaterali iatrogeni, maggiore è il numero che ne prendi maggiore è il prezzo che prima o poi verrai chiamato a pagare…

Se sai questo, puoi scegliere. Puoi passare, dal subire una diagnosi e una terapia, al gestire la qualità della tua salute.

Così, puoi approfondire l’argomento, continuare a seguire la pagina e condividere liberaMente ciò che pubblico.
Perchè la tua salute vale !

 FONTE:

https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/25502588