L’Osteopatia e la connessione con l’Intestino

A chi mi chiede nei commenti perché l’Osteopatia …
… Rispondo che una spiegazione ai tuoi dolori di schiena c’è …

Immagina un grande meccanismo complesso.

Non so se puoi, per esempio, Immaginare un grosso bus.
Sceglilo del colore che più ti piace, personalizzalo.

E mentre lo vedi, immagina meccanismi semplici – come ingranaggi, pulegge, fascette di gomma – connettersi tra loro e connettere tra loro sistemi complessi: il motore, il sistemi di raffreddamento, il sistema di trasmissione, gli ammortizzatori.

L’immagine è grande, luminosa, ampia al punto che ti permette di comprendere che tutto è coordinato e funziona come un orologio svizzero.

Ma come un orologio svizzero, basta un granello di sabbia tra gli ingranaggi per “bloccarlo”.

Certo, ci vuole tempo… e il modo in cui si sviluppa il “blocco” dipende da DOVE ESATTAMENTE si è incastrato quel granello di sabbia.
Ma prima o dopo quel piccolo granello di sabbia ha il potere di “bloccare” il funzionamento dell’orologio.

Adesso, immagina il tuo corpo proprio come un sistema fatto da ingranaggi o pulegge o fascette di gomma connesse tra loro …
… che a loro volta inter-connettono sistemi complessi come il motore (il cuore), il sistemi di raffreddamento (vene, arterie, strutture linfatiche… ), il sistema di trasmissione (legamenti, nervi…), gli ammortizzatori (la struttura ossea). .. e L’intestino.

Te lo immagini?

L’intestino è irrorato da un sistema circolatorio (vene, arterie, strutture linfatiche) ed è raggiunto da un sistema nervoso che passano ALL’INTERNO DEL SISTEMA DI “SOSPENSIONE” (le fascie).
E legano (sospendono) L’INTESTINO alla SCHIENA.

Visceri, ossa, muscoli… proprio come in un orologio Svizzero… dove un granello di sabbia è capace di bloccare l’intero sistema, ricordi?

E i tempi e i modi con cui si sviluppa un “blocco” dipende da DOVE ESATTAMENTE quel granello di sabbia ha messo in crisi le fasce e gli organi.

Ma prima o poi, quel granello di sabbia ha il potere di “bloccare” il sistema.

Per questo, pochi hanno dubbi che i “dolori della schiena” originano dalla “tensione” delle strutture addominali.

E quello che mangi e le condizioni del tuo intestino sono la cause che determinano la “tensione” delle strutture addominali.
Che poi mettono in tensione (dolore…) le strutture osse e muscolari…

Peccato, se ti af-fidi a chi Dovrebbe AVERE “OCCHI PER VEDERE”, ma questa connessione non lo vede …
… E ti liquida prescrivendo l’ennesima goccina/pillolina/punturina/suppostina per zittire il dolore.

Chiariamoci.
Zittire il dolore e lenire un sintomo che mette a rischio la vita del paziente o la sua qualità di vita – IN FASE ACUTA – È IL PRIMO DOVERE DEL MEDICO.

Ma il SECONDO DOVERE è occuparsi di CERCARE E CURARE La causa.

Perché l’unica strategia vincente su una patologia – nel medio e lungo termine – è di “intervenire a spegnere la causa”.
E riportarti ad un equilibrio interno.

Vorrei ringraziare gli amici che in questo percorso mi hanno sostenuto nello sviluppare questa visione:

E in ordine sparso (posso taggare solo chi ha una pagina facebook) gli amici fisioterapisti/osteopati dott.ri:

TUTTI CONSAPEVOLI CHE LA TUA SALUTE VALE!


Rivoluzione Microbiota:

Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Dott.ssa Livia Emma – dietistaStudio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti – Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

Una spiegazione ai tuoi dolori di schiena c’è …

Immagina un grande meccanismo complesso.

Non so se puoi, per esempio, Immaginare un grosso bus.
Sceglilo del colore che più ti piace, personalizzalo.

E mentre lo vedi, immagina meccanismi semplici – come ingranaggi, pulegge, fascette di gomma – connettersi tra loro e connettere tra loro sistemi complessi: il motore, il sistemi di raffreddamento, il sistema di trasmissione, gli ammortizzatori.

L’immagine è grande, luminosa, ampia al punto che ti permette di comprendere che tutto è coordinato e funziona come un orologio svizzero.
Ma come un orologio svizzero, basta un granello di sabbia tra gli ingranaggi per “bloccarlo”.

Certo, ci vuole tempo… e il modo in cui si sviluppa il “blocco” dipende da DOVE ESATTAMENTE si è incastrato quel granello di sabbia.
Ma prima o poi quel granello di sabbia arriverà a “bloccare” il funzionamento dell’orologio.

Adesso immagina il tuo corpo proprio come un sistema fatto da ingranaggi o pulegge o fascette di gomma in connessione tra loro …
… che inter-connettono tra loro sistemi complessi come il motore (il cuore), il sistemi di raffreddamento (vene, arterie, strutture linfatiche… ), il sistema di trasmissione (legamenti, nervi…), gli ammortizzatori (la struttura ossea). .. e L’intestino.

Te lo immagini?

L’intestino è irrorato da un sistema circolatorio (vene, arterie, strutture linfatiche) ed è raggiunto da un sistema nervoso, tutti cablati FISICAMENTE DENTRO IL SISTEMA DI “SOSPENSIONE” (fascie) che legano L’INTESTINO alla SCHIENA.

Visceri, ossa, muscoli,
E proprio come un orologio Svizzero, un granello di sabbia è capace di bloccarlI.

Certo, i tempi e i modi con cui si sviluppa il “blocco” dipende da DOVE ESATTAMENTE si è incastrato quel granello di sabbia.
Ma prima o poi, quel granello di sabbia arriverà a “bloccare” il sistema.

Per questo, pochi hanno dubbi che i tuoi “dolori nella schiena” hanno origine nella “tensione” delle strutture addominali.

E quello che mangi e le condizioni del tuo intestino sono la cause che determinano la “tensione” delle strutture addominali che poi mettono in tensione (dolore…) le strutture osse e muscolari…

Peccato se ti af-fidi a chi Dovrebbe AVERE “OCCHI PER VEDERE” ma questa connessione non lo vede …
… E ti liquida prescrivendo l’ennesima goccina/pillolina/punturina/suppostina per zittire il dolore.

Chiariamoci.
Zittire il dolore e lenire un sintomo che mette a rischio la vita del paziente e la sua qualità di vita – IN FASE ACUTA È IL PRIMO DOVERE DEL MEDICO.

Si mantiene zitto il sintomo in fase acuta ma il dovere successivo è occuparsi di curare la causa.
Perché l’unica strategia vincente su una patologia sul medio e lungo termine è di “intervenire a spegnere la causa”.

Vorrei ringraziare gli amici che in questo percorso mi hanno sostenuto nello sviluppare questa visione:

Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere 
Giuseppe Visalli – Osteopatia
Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista
Studio Magnanini (Marco Magnanini)

E in ordine sparso gli amici Gerardo Palmisano, Valerio Avino, Gianluca Catania, Rosario Pizzurro, Pino Giliberto, Giuseppe Parrinello, Vanessa di Nepi, Raffaella Lupi, Fabrizio Ferioli, Giovanna Gariglio, Silvia Mozzone, Marco Ferrara, Gaspare Beltrano, Massimo Barretti, Fausto Inclimona

Perché la tua salute vale!

Rivoluzione Microbiota  Comicost – Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti –Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT

Il mio Augurio per il 2020

Medico, Nutrizionista-Dietista e Fkt-Osteopata
Insieme nel ritorno all’approccio Ippocratico

PER IL 2020 MI AUGURO CHE…

1) L’Osteopata (o meglio il FKT-Osteopata) venga rivalutato nel suo RUOLO PREZIOSO a fianco dei medici funzionali. 

  • Che i pazienti che già hanno trovato un BENEFICIO nella RIDUZIONE o RISOLUZIONE dell’Ernia Iatale – e nella riabilitazione del CARDIAS e delle sue manifestazioni disfuzionali – portino la loro TESTIMONIANZA tra la gente e a tutti gli scettici.
    Per questo metto a disposizione la mia pagina.
  • Che quelle “patologie disfunzionali” che vengono “spacciate” per “Gastriti” e la cui unica soluzione proposta è un GASTROPROTETTORE A VITA – quando non un intervento chirurgico la cui riuscita “tecnica” dipende da tanti fattori – abbiamo una POSSIBILITÀ NON TRAUMATICA e CONSERVATIVA in più con cui “guarire”.

2) Che il Nutrizionista-Dietista venga riconosciuto come figura chiave in tutte le patologie Gastro-Enteriche, in quelle Autoimmuni, e nelle DISBIOSI, di cui sembra soffrire una quota consistente della popolazione. .

3) Che l’equipe Multi-Disciplinare composta da MEDICO, NUTRIZIONISTA-DIETISTA e FKT-OSTEOPATA siano gli strumenti di quel ritorno all’approccio IPPOCRATICO di cui parlo nei miei convegni in giro per l’Italia.

Per questo oggi vi porto con questo video le  testimonianze degli Osteopati Roi presso le Pediatrie Italiane per i bambini prematuri :

  • Ospedale Vittorio Buzzi – Milano
  • Ospedale Santo Spirito – Pescara
  • Ospedale San Pietro Fatebenefratelli – Roma
  • Ospedale Garibaldi – Catania
  • Ospedale San Giuseppe – Milano

ROI – Registro Osteopati Italiani

https://www.facebook.com/dottgabrieleprinzi/videos/481416549178674

 

Il mio AUGURIO a TE che segui questa pagina, e a LORO, che si riconoscono sempre più numerosi in questo piccolo esercito che si va radunando per riportare Ippocrate agli Italiani🙏🙏🙏 .

IL DISSENSO È UMANO,
IL CONFRONTO RISPETTOSO E PROSPETTICO,
È LA SOLUZIONE.

Il nostro augurio congiunto:

Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista

Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista

Dott.ssa Livia Emma – dietista

Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini

Flavio Leonori – Vivere in Forma

Roberta Garozzo

Emanuela Mortillaro

Dr. Alessandro Felice – Top Your Top

Dr. Giuseppe Compagno

Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere

Gianluca Catania Osteopata

Giuseppe Visalli – Osteopatia

Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista

Luca Speciani – DietaGIFT

Scuola Microbioma

AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti

Medicina di Segnale

Metodo Cecchetti

Metodo Trabucco

Liberi dal Reflusso

Tutti su MetabolicaMente

METABOLICAmENTE

Gabriele Prinzi

🎈🎈🎈

BUON 2020 A CHI È CONSAPEVOLE CHE LA SALUTE VALE! 

🎈🎈🎈  🎊 🎉 🎉 🎊 🎉 🎈🎈🎈