Covid-19: considerazioni sulla manipolazione dei dati epidemiologici

Titolo mio, post condiviso dal Collega Prof. Matteo Bassetti- Infettivologo

Ricordate a febbraio quando dissi ( e non ho mai cambiato idea) che l’infezione da SarsCoV-2 aveva alta contagiosità, ma bassa letalità?

Che era più simile, come letalità alla pandemica Suina del 2009 che non alla Peste?

Qualcuno (ignorante e in malafede) ha scritto che quel post (su cui affermavo queste cose) fosse stato cancellato e invece si trova ancora sulla mia pagina.

Quelle cose che ho detto a febbraio 2020 si stanno dimostrando corrette e vere.
Infatti secondo i risultati dello studio sierologico condotto da Ministero della Salute e Istat, il 2.5% della popolazione italiana ha contratto l’infezione da SarsCoV-2 e ha gli anticorpi.

Ci sono alcuni vizi statistici su questo studio come il fatto di non aver raggiunto l’obbiettivo che era di 150.000 persone, oltre al fatto che c’è probabilmente un’ampia fetta di popolazione che, pur non avendo anticorpi misurabili nel siero, è ugualmente venuta in contatto con il virus.

Analizzando quindi questi dati ministeriali parziali si desume che in Italia ci siano stati circa 1.5 milioni di infettati e che la letalità (assumendo che i 35000 decessi siano tutti certamente sostenuti da COVID-19) è intorno al 2%.
Alla fine probabilmente con dati più adeguati e meglio raccolti sarà intorno allo 0.7-1%.

Cosa avevo detto a febbraio insieme ad altri illuminati colleghi?
Letalità tra l’1 e il 2%.

Amando trattare le malattie infettive riporto qui di seguito la letalità di alcune infezioni (quando non trattate) a diffusione globale:

 

HIV/AIDS 80-90% Ebola 83-90%
Meningite criptococcica 40-60% Peste 50%
Tetano 50% Polmonite da Legionella 15%
SARS 11% Influenza spagnola 2-3%
Poliomielite 30% Febbre gialla 7.5%
Dengue 26% Meningite Meningococcica con sepsi 15-20%
Polmonite pneumococcica 7-15% Pandemica suina 2009 0.1-1%
COVID-19 0.5-2.5% Tubercolosi 43%

 

Questi sono percentuali e numeri che gli infettivologi conoscono bene.

Per le scuse al sottoscritto è tardi.

Per una lettura oggettiva e imparziale dei DATI le referenze sono qui:

  • Amstrong D and Cohen J. Infectious Diseases. Mosby Editor 2010
  • Mandell, Douglas, and Bennett’s. Principles and Practice of Infectious Diseases. 9th Edition
  • Ross R et al. CDC estimate of global H1N1 pandemic deaths: 284,000. CIDRAP 2012
  • Simonsen L. et al. Global Mortality Estimates for the 2009 Influenza Pandemic from the GLaMOR Project: A Modeling Study. PlosMedicine 2013
  • Nishiura H et al. Case fatality rate of pandemic influenza. LID 2010
    Dwibedi B et al. Epidemiological and clinical profile of Influenza A(H1N1) pdm09 in Odisha, eastern India. Heliyon. 2019;5(10):e02639
  • Mishra A et al. Pandemic Influenza (H1N1) 2009 Is Associated with Severe Disease in India. PloseOne 2010
  • 2009 swine flu pandemic by country. From Wikipedia, the free encyclopedia

List of human disease case fatality rates. From Wikipedia, the free encyclopedia

E il post originale condiviso qui:

https://m.facebook.com/story.php?story_fbid=2779379195717273&id=100009356604674

Qui l’articolo scritto su OPEN:

https://www.open.online/…/coronavirus-infettivologo-ba…/amp/

Perché AVERE LE NOTIZIE VERE fa la differenza tra un politico e una pecora.
E nessun politico è giustificato nel fare TERRORISMO PSICOLOGICO ALLA POPOLAZIONE manipolando dati e realtà.

E perché la tua salute vale!

Rivoluzione Microbiota:
Dott. Giulio Maria Ranalli – Biologo Nutrizionista – Dott.ssa Greta Venturini – Biologa Nutrizionista – Scuola Microbioma – Studio Medico Orlandini – Nutrizionista Dott.ssa Novella Gerini – Riccardo Cecchetti Osteopata e Fisioterapista – Centro Trabucco Fisioterapia e Benessere – AMIE-Associazione Medici Italiani Evoluzionisti – Medicina di Segnale – Luca Speciani – DietaGIFT