Covid 19. In Francia la Commissione d’inchiesta istituita dal Governo scopre che …

In Francia in questi giorni è in corso una commissione di inchiesta parlamentare sulla gestione dell’epidemia Covid 19.

Il Prof. Didier Raoult, direttore dell’ Istituto Malattie Infettive Ihu Méditerranée Infection è stato convocato oggi in qualità d’esperto.
Penso che alcuni punti possano essere interesse del gruppo.
_______________

PARLAMENTO – Il direttore dell’IHU di Marsiglia è stato ascoltato mercoledì dai deputati. Questa audizione fa parte dell’indagine intesa a far luce sulla gestione statale della crisi del coronavirus.

Didier Raoult ha criticato l’organizzazione “completamente arcaica” dei test di screening Covid-19 in Francia, organizzazione che secondo lui ha impedito di utilizzarli più ampiamente.

“Il modo in cui è stato organizzato il depistaggio è completamente arcaico”, ha affermato davanti alla commissione d’inchiesta sulla gestione della crisi del coronavirus, riferendosi al sistema dei centri di riferimento nazionali.

Il test diagnostico molecolare per Covid-19 è stato istituito il 17 gennaio dall’Institut Pasteur, centro nazionale di riferimento (CNR) per i virus respiratori con gli Hospices Civils de Lyon, ma la diffusione sul territorio è stata lenta secondo la stima dei deputati membri della commissione.

“L’idea che non potessimo eseguire i test non è vera”, ha affermato Didier Raoult, a capo dell’ IHU Méditerranée, a Marsiglia.

“La centralizzazione a livello di CNR ha fatto perdere molto tempo e non era necessaria.”
Questo sistema porta i loro funzionari a “considerare che la malattia sia loro territorio”.

“Non sono d’accordo con la decisione di non generalizzare i test”, ha anche detto, “non è possibile studiare una nuova malattia se non si eseguono i test “. “Ciò che è stato dedotto sulla malattia, è stato dedotto dall’influenza ed era falso”, ha aggiunto.

Didier Raoult ha anche rinnovato l’affermazione secondo cui alcuni detrattori dell’Iidrossiclorochina sono finanziariamente collegati al laboratorio Gilead, produttore del Remdesivir, un’altra molecola la cui efficacia è stata testata nel trattamento di Covid-19.

Di fronte alle richieste di chiarimenti da parte dei deputati, il microbiologo li ha in particolare indirizzati alla consultazione del database di Transparency Health, che elenca i collegamenti di interesse tra aziende e attori del settore sanitario.

Assicurando di aver osservato una “ossessione per voler trattare le persone con il Remdesivir”, ha detto di vederci un risultato della strategia di “influenza” al servizio di un “puro gioco di borsa”.

Il ricercatore di Marsiglia si è anche rammaricato che in questa crisi sanitaria le “decisioni mediche” siano state “anticipate dal politico”, riferendosi al divieto di prescrizione di Idrossiclorochina nel trattamento di Covid-19 per i medici di base, divieto poi esteso il 27 maggio ai medici ospedalieri, ad eccezione dell’uso nel contesto degli studi clinici.

“La cura è passata in secondo piano […] Chiunque abbia contribuito a decidere, vi assicuro che ha commesso un errore. ”

Raoult sull’entourage del Ministro della Sanità Olivier Véran: “Se i suggerimenti sono dati da persone che non hanno né i nervi né le competenze, è un vero problema”.

“Sono molto scettico sulla qualità dell’ambiente del ministro [della sanità]”.

“Non sono d’ accordo nel lasciare che lo Stato si occupi delle attività che dovrebbero essere dei medici e proibisca loro cose banali.”

“I medici devono fare il meglio per i loro pazienti secondo la loro coscienza, a seconda dello stato delle conoscenze.
Ho seri dubbi sul fatto che sia costituzionale privarli di questo.”, ha detto Didier Raoult.

———————-

MA UNA COMMISSIONE D’INCHIESTA SERIA IN ITALIA … A QUANDO???

ARTICOLO ORIGINALE :
https://www.lci.fr/sante/auditionne-par-les-deputes-le-professeur-didier-raoult-fustige-l-organisation-archaique-des-tests-de-depistage-2157473.html

Buongiorno DA CATANIA