Hai due “server cerebrali”. E i batteri sono i “tecnici informatici” specializzati

Il nostro organismo è il frutto di miliardi di anni di evoluzione.
Partendo da singole cellule che hanno scoperto che l’unione fa’ la forza e la cooperazione è vincente quando vi è un obbiettivo comune:
primum sopravvivere, deinde prosperare.

Nella specializzazione delle cellule in ORGANI, gli animali superiori sono il risultato di un intestino che si è dotato di un cervello.
In quest’ordine, e non il contrario!
Perché il Sistema Nervoso è nato dall’esigenza di un “sistema specializzato” che potesse “guardarci le spalle” mentre eravamo impegnati nella alimentazione e nella digestione.

Quindi è in quest’ordine che li sviluppa l’embrione umano che cresce nella pancia della sua mamma.

Questi due “tubi” – il tubo Neuronale e il tubo Digerente – si sviluppano dallo stesso tipo di cellule primordiali e anche se apparentemente lontani, sono interconnessi.
A dirla tutta, il cervello e il Sistema Nervoso Centrale (SNC) agiscono come un computer, un SERVER centrale cablato con tutti gli organi e tessuti, con cui vi è un costante interscambio di informazioni.
E questa non è una novità .
Non lo è nemmeno aver dimostrato – 20 anni fa – che possediamo un altro SERVER che non è proprio “secondario”…

Un SISTEMA NERVOSO, chiamato “enterico” (ENS), che contiene più Neuroni di tutti quelli presenti nel midollo spinale o nell’intero “sistema nervoso periferico” (Furness, 2012).

Le cellule nervose nell’intestino agiscono con la stessa “intelligenza” (neuromediatori, ormoni eccetera) delle cellule nervose cerebrali e regolano il “movimento coordinato” di tutto l’intestino (Peristalsi) e la Digestione, INDIPENDENTEMENTE DAL SERVER CENTRALE.

La grande rivoluzione moderna?
Dal 2004 le prove dell’interazione del Microbiota Intestinale in questa comunicazione bidirezionale tra i due server.

Da allora una vasta ricerca sugli effetti che il Microbiota Intestinale ha sulla funzione cerebrale e sull’impatto di questo su umore e comportamento viene portata avanti in tutto il mondo … fornendo INFORMAZIONI SCONVOLGENTI sulla “stretta interazione” tra il Sistema immunitario e quello Endocrino – associati all’intestino – e come si relazionano e influenzano le funzioni cerebrali.

Queste evidenza hanno portato la comunità scientifica a coniare il termine “ASSE INTESTINO-CERVELLO”, che nella metafora dei server, vede i batteri intestinali come “tecnici informatici”.

Lo squilibrio di quest’asse – a causa della Disbiosi – svolge un ruolo importante nelle Patologie Gastrointestinali e in tutta una serie di patologie legate alla salute mentale come Depressione, Disturbo Ossessivo-Compulsivo, Ansia e Disturbi dello Spettro Autistico…
E sempre maggiori ricerche si stanno concentrando sulla connessione con Parkinson e Alzheimer. 

Così, per curare il Cervello si passa da Stomaco e Intestino 🙂

Continua a seguire la pagina, approfondisci e condividi
liberaMente ciò che pubblico.
Perché la tua salute vale!