Helicobacter Pylori e gastrite. È vero che si cura con vitamina C ?

10 sett ore 07,07

La vitamina C o Acido Ascorbico è uno dei micronutrienti essenziali per la salute umana, ma a causa di diverse mutazioni genetiche, noi esseri umani – a differenza della maggior parte degli animali – abbiamo perso la capacità di produrla.

In sintesi, sono due le principali funzioni della vitamina C:
come antiossidante e come cofattore è coinvolta nella sintesi di carnitina, collagene e neurotrasmettitori.

Come antiossidante, la vitamina C protegge il corpo da vari effetti deleteri dei radicali liberi. Bassi livelli di vitamina C sono stati associati a molte condizioni, tra cui lo scorbuto, la tendenza al sanguinamento, la guarigione ritardata della ferita, l’anemia, alcuni tumori, infezioni varie, ecc.

Per quanto riguarda l’Ulcera Peptica e le sue complicanze, è noto che la carenza di Acido Ascorbico è correlata all’elevata presenza di gastrite e sanguinamento, da Ulcere Gastriche e Duodenali. Infatti, livelli più bassi di Vitamina C, sia nel succo gastrico che nel siero, sono stati ripetutamente associati a pazienti con Gastrite da Helycobacter Pylori e Ulcere Peptiche. .

Normalmente, le concentrazioni di Ascorbato della ghiandola gastrica sono da tre a sette volte superiori ai livelli plasmatici, indicando che l’Acido Ascorbico viene attivamente trasportato o secreto dal plasma dentro il succo gastrico.

Supplementazioni di Acido Ascorbico hanno invece dimostrato di essere inversamente correlati al Cancro Gastrico (più se ne ha e meno incidenza di tumore gastrico si ha).

Ma che c’entra l’Helicobacter Pylori?

Da quando l’Helicobacter Pylori (HP) è stato identificato nel 1982, la Gastrite e l’Ulcera Gastrica e Duodenale sono state gradualmente viste come conseguenza di una malattia infettiva.
Si calcola che l’HP colpisca più del 50% della popolazione mondiale di cui moltissimi non hanno nessun sintomo. Solo 1 o 2 persone su 10 – non tutti, quindi – potrebbero sviluppare Gastrite Cronica o Ulcerazione Peptica.

Più raramente si possono sviluppare Tumori Linfoidi associati alla mucosa o persino Adenocarcinoma gastrico.
In questi pazienti (10-20% di quelli che hanno l’HP) l’eradicazione del batterio è efficace per la Gastrite, l’Ulcera Peptica e per scongiurare il Linfoma precoce (maltoma). Ha anche il potenziale di ridurre il rischio di sviluppo del Tumore Gastrico, sebbene questo tumore sia certamente associato al consumo di prodotti troppo salati, ai fritti o ai cibi cotti oltre certe temperature.

Numerosi rapporti clinici mostrano che la carenza di Acido Ascorbico (vitamina C) è stata connessa con le Gastrite e questo lo si sapeva già dagli anni ’30.
Mentre l’eradicazione di HP ha dimostrato di aumentare i livelli di vitamina C, i benefici dell’assunzione orale di vitamina C per l’eradicazione di HP è controversa. Cioè: nessuno studio lo dimostra oltre ogni ragionevole dubbio.

L’ eradicazione di H. Pylori può invertire l’effetto negativo e aumentare i livelli di vitamina C nel siero e nel succo gastrico. Ma complici le quantità diverse, il tipo di somministrazione e il tipo di varianti statistiche, gli studi scientifici sull’assunzione orale di Acido Ascorbico ha riportato risultati ambigui (a volte si, a volte no) nella capacità di eradicazione dell’HP.

Mentre continuo ad approfondire questi affascinanti studi sull’uso della vitamina C nelle gastriti e nelle infezioni da HP, mi permetto di proporre tre suggerimenti :

  1. aumenta nella dieta la quantità di cibi contenenti vitamina C (cerca la lista su google),
  2. la vitamina C è (quasi) priva di effetti collaterali: se soffri di Gastrite o Reflusso inserisci dosi di 500/1000 mg ai pasti, a stomaco pieno,
  3. approfondisci l’argomento con i link che trovi qui sotto o tramite il gruppo ufficiale di studio e condivisione di informazioni, gestito da Luigi Garzillo.
    https://www.facebook.com/groups/368217367341597/

Perché la tua salute vale!

Fonti:
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc3798080/ https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc6102328/ https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/pmc3874117/