I controllori delle medicine, in Italia finanziati da una casa farmaceutica?

E’ stata pubblicata dal Codacons la lista dei medici e degli Enti Pubblici che avrebbero preso soldi dalla Glaxo: ci sono l’Istituto Superiore di Sanità – compreso l’ ex presidente Ricciardi – e professionisti che hanno elaborato le linee guida.

A rivelare il presunto conflitto d’interessi è il Codacons, che ha pubblicato sul suo sito l’elenco dei medici italiani finanziati dalla Glaxo e inoltrato la documentazione all’Anac perché faccia luce sulla vicenda.

La domanda è la seguente: a cosa sono serviti questi soldi?

A sorprendere è soprattutto il fatto che nella lista siano presenti l’Istituto superiore e il suo ex presidente.

«L’ Istituto Superiore di Sanità è un ente pubblico che ha come compito quello di vigilare su farmaci e vaccini.
Dovrebbe per questo essere un organismo super partes, assolutamente libero da qualunque condizionamento.
Siamo di fronte a un evidente conflitto di interessi perché l’ISS, così come i suoi esponenti, non dovrebbe intrattenere alcun rapporto con le case farmaceutiche».

Ricciardi – l’ex presidente – era già finito sotto i riflettori proprio per lo stesso motivo: essere stato consulente su farmaci e vaccini per diverse case farmaceutiche.

Delle consulenze – legittime per carità – non c’era traccia nel suo curriculum pubblicato sul sito dell’ISS, perché non obbligatorio come invece devono esserlo se fai esperto nella squadra Europea sull’efficacia degli investimenti in sanità…

Ma la polemica non finisce qui: infatti uno dei vaccini a cui ha collaborato, e per cui si è speso per renderlo obbligatorio è passato come “fortemente raccomandato”.

Altre domande nascono dai “fondi” ricevuti da due associazioni nazionali di specialisti come:

➡ La Federazione italiana medici pediatri, foraggiata con 56.000 euro nel 2015, 153.692 euro nel 2016 e 149.322 euro nel 2017

➡ La società italiana pediatria, che avrebbe ottenuto 27.450 euro nel 2015, 26.840 euro nel 2016 e 55.729 euro nel 2017.

« Queste società e medici hanno percepito denaro da una casa farmaceutica che commercia vaccini.
Quindi potrebbero aver in qualche modo spinto il piano nazionale verso una certa direzione», si chiede Sonia Sarli del Codacons.

Riporto fedelmente – SENZA ALCUN COMMENTO l’articolo pubblicato su Codacons

https://codacons.it/i-controllori-delle-medicine-in-italia-finanziati-da-una-casa-farmaceutica/

Se vuoi commentare – sempre nell’ambito del libero scambio di informazioni – fallo nei commenti.

Perché se la tua salute vale, chi sarebbe contento se ci fosse davvero un conflitto d’interesse?